Bagheria, sindaco M5s accusato di stalking

0
167

Il sindaco di Bagheria Patrizio Cinque del M5s (autosospeso) è stato rinviato a giudizio, insieme al suo vice Fabio Atanasio e l’ex assessore Luca Tripoli, con l’accusa di stalking, abuso d’ufficio e lesioni personali nei riguardi di una funzionaria del Comune.

La dirigente comunale presunta vittima

Il gup di Termini Imerese Claudio Bencivinni ha accolto la richiesta del pubblico ministero Luisa Vittoria Campanile. Per l’ex segretario comunale Eugenio Alessi è stato disposto il rito abbreviato. la notizia è stata data da Live Sicilia. La dirigente, presunta vittima del sindaco è Luisa Vittoria Campanile, difesa dall’avvocato Giacomo Aiello.

Le accuse verso il sindaco di Bagheria

Secondo l’accusa il sindaco avrebbe tenuto “reiterati comportamenti e provvedimenti posti in essere per finalità ritorsive e persecutorie preordinati al fine di umiliare, vessare, emarginare e penalizzare il dirigente“. Dal marzo del 2015, la dirigente è stata oggetto di tredici contestazioni. La donna ha sostenuto di essere stata “mobbizzata” e punita con la sospensione dal servizio per motivi disciplinari con contestuale sospensione dello stipendio. Un provvedimento ritenuto illegittimo già dal Tribunale del lavoro di Palermo, che condannò il Comune a reintegrare la Picciurro e a pagarle i 93mila euro di stipendi non percepiti.

Vuoi rimanere sempre aggiornato?
Seguici su Facebook, Twitter e iscriviti al nostro canale Telegram.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome qui