Proiettile Appendino: la solidarietà del gruppo M5s

0
44

Altro atto intimidatorio verso la sindaca di Torino Chiara Appendino a cui è stato recapitato una busta con un proiettile. La solidarietà da parte del gruppo M5s all’Ars.

Atto intimidatorio verso Appendino

Una busta con all’interno un proiettile, indirizzata alla sindaca di Torino Chiara Appendino, è stata recapitata ieri agli uffici del Comune. È il secondo atto intimidatorio nei confronti della prima cittadina che, già negli scorsi mesi, aveva ricevuto una busta esplosiva negli uffici di piazza Palazzo di Città.

La busta verrà analizzata dalla polizia scientifica. È marrone, con sopra un’etichetta bianca scritta a pennarello con il normografo. A quanto si apprende, all’interno non c’è nessun messaggio e non vi è nessuna indicazione del mittente.

Solidarietà da parte del gruppo M5s all’Ars

A Chiara Appendino va tutto il nostro affetto, la nostra solidarietà e l’incoraggiamento a non mollare mai. Ma sappiamo benissimo che il coraggio non le manca: è una donna straordinaria e non arretrerà di un millimetro rispetto alla linea di buona amministrazione che sta attuando a Torino. Siamo certi che atti come questo, frutto solo di vigliaccheria, non potranno intaccare in alcun modo il rigore morale e il senso di responsabilità di una sindaca che ha dimostrato di puntare al concreto miglioramento della città e al bene comune di tutti i cittadini torinesi”. Lo dicono i deputati del gruppo M5S all’Assemblea regionale siciliana, nel condannare il nuovo atto intimidatorio subito dalla sindaca di Torino che ha ricevuto, per la seconda volta in pochi mesi, una busta con all’interno un proiettile, recapitata ieri in Municipio.

Il commento di Chiara Appendino

“Continuerò a fare il mio lavoro con la massima determinazione, avanti con forza”. Lo ha detto durante la trasmissione Agorà la sindaca di Torino, Chiara Appendino, in merito alla busta contenente un proiettile a lei indirizzata. “Non è la prima volta – osserva – ma oggi la risposta per quanto mi riguarda è chiara”. “Si parla molto del mio caso – aggiunge – ma gli amministratori locali sono fortemente e spesso a rischio. Credo che lo Stato debba essere vicino ai sindaci al di là del colore politico, come sta facendo, perché abbiamo una grande responsabilità”. Su Facebook ha poi aggiunto: “Questi tentativi di intimidazione non sortiscono alcun effetto e, anzi, spronano a continuare a svolgere il mio ruolo di Sindaca con la massima determinazione. Non si sa quale sia il mittente – aggiunge – ne quali siano le motivazioni“.

Vuoi rimanere sempre connesso?
Seguici su Facebook, Twitter e iscriviti al nostro canale Telegram.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome qui