Manuel Bortuzzo si racconta a Domenica In: “Non ho alcuna certezza di quanto successo quella sera”

0
413

Quella di oggi è una Domenica In davvero speciale perché, dopo mesi di allenamenti e riabilitazione, Manuel Bortuzzo ha deciso di raccontarsi a Mara Venier. Il giovane atleta, vittima di uno scambio di persona, è stato ferito a Roma. Una storia da brivido, raccontata da un ragazzo di 20 anni che comunque ha trovato il modo di reagire nel migliore dei modi, anche dopo aver perso l’uso delle gambe vedendo cambiare la sua vita radicalmente.

Manuel Bortuzzo dopo la sparatoria torna a vivere

La vita di Manuel Bortuzzo è cambiata drasticamente dopo quella sera di febbraio quando, Lorenzo Marinelli e Daniel Mazzano, hanno sparato al buio mentre si trovava insieme alla fidanzata Martina.

Sono bastati pochi attimi e tutto è cambiato, ma Manuel ha comunque avuto la forza di tornare alla vita insieme al suo splendido sorriso pronto a continuare a vivere, diventando un esempio per chiunque segue la sua storia. Mara Venier presenta Manuel Bortuzzo con le giuste parole che rappresentano una verità assoluta: “Sei figlio di tutti noi, la gente ti vuole bene”. Manuel Bortuzzo continua dicendo: “L’affetto mi è arrivato davvero tutto. Vedere che alle mie spalle c’è tutto questo mi fa stare bene, meglio di così non poteva andare“. Manuel Bortuzzo si racconta a Domenica In

continua dopo la foto

Manuel non camminerà più

Manuel Bortuzzo si racconta a Domenica In

Manuel Bortuzzo insieme alla sua forza straordinaria, sembra giusto ribadirlo, a Mara Venier ha dichiarato: “Io ho sempre pensato che in quel momento non ero io la persona sbagliata nel momento sbagliato. Ero lì tranquillo, che stavo facendo la mia vita… E va bene“.

Dopo quanto successo sono state le ipotesi a vaglio degli inquirenti, come ad esempio un possibile scambio di persona. Manuel Bortuzzo continua dicendo: “Diciamo che il problema non è stato lo scambio di persona, ma il gesto indipendentemente di chi si trovava lì. Ho avuto un modo di reagire diverso perché son fatto così, ma il problema sta proprio alla base”. Ma su quella drammatica sera afferma: “Io non ho alcuna certezza di quanto successo quella sera. So solo che sono loro i responsabili“.

“Li ho visti salire e per un attimo mi sono spaventato”

Difficile capire cosa abbia provato Manuel Bortuzzo in quei momenti, ma vederlo ospite di una trasmissione televisiva, sereno, sorridente come ogni ragazzo di vent’anni dovrebbe essere… Ci fa capire come nulla nella vita deve abbatterci perché, ad ogni modo, se c’è vita c’è e ci sarà sempre speranza. Manuel Bortuzzo si racconta a Domenica In

Comunque sia, in occasione della sua intervista rilasciata a Mara Venire, Manuel, sulla sera della sparatoria ha raccontato: “Dovevamo andare a berci una cosa in un bar (Fa riferimento a Martina la fidanzata ndr.), il primo era chiuso e quindi avevamo deciso di andare in quella piazza e lì è successo quello che è successo. Quando siamo arrivati ci hanno detto che era il caso di andare via perché era scoppiata una rissa. Siamo andati via e, circa cinque minuti dopo, li ho visti salire e per un attimo mi sono anche spaventato perché non capivo che succedeva e l’attimo dopo ho visto la pistola puntata contro di me“.

continua dopo la foto

Roma ferito manuel Mateo Bortuzzo

Successivamente spiega: “Io ricordavo che fossi in piedi che chiedevo aiuto e invece dai video ho scoperto che in realtà mi trovavo già sdraiato a terra, e per poco non ho sbattuto la testa sul vaso che c’era lì vicino“. Manuel Bortuzzo si racconta a Domenica In

“Ho detto a Martina ‘Ti amo’”

Nel corso dell’intervista non sono mancati riferimenti a Martina, la fidanzata diciassettenne che quella drammatica sera si trovava con lui e che in questi mesi non l’ha mai lasciato, anzi l’amore tra loro è diventato sempre più forte. Manuel, a Mara Venier, ha raccontato anche come ha dichiarato amore alla ragazza che, in quel periodo, stavano insieme da poco più di una settimana: “Io ho detto a Martina ‘Ti amo’. In quel momento pensavo a tutto e di più: ‘È finito tutto così, a vent’anni?’. In quel momento è stato più forte di me, l’ho presa per il viso e le ho detto ‘Ti amo‘. In quel momento ho pensato all’amore per lei, ma dopo lei stessa mi ha detto che l’ho ripetuto in tre o quattro volte, in un momento in cui anche lei era paralizzata per quello che era comunque accaduto“. Manuel Bortuzzo si racconta a Domenica In 

continua dopo la foto

manuel e martina

“Dal 3 febbraio c’è un’altra vita ma, fortunatamente– continua Manuel-, nella sfortuna sono rimasto sano e faccio tutto benissimo. Quindi la mia vita è cambiata, ma va comunque avanti benissimo“. Manuel Bortuzzo si racconta a Domenica In

“Voglio tornare a camminare”

Gli obiettivi di Manuel oggi sono un po’ diversi ma, un po’ come ogni ragazzo della sua età, i progetti di vita e gli obiettivi da raggiungere non mancano, anche se sono solo un po’ modificati. Manuel conclude la sua lunga intervista spiegando: “I miei sogni oggi… Voglio tornare a camminare e ci sto provando, ogni giorno. So solo io quello che sento e ciò che voglio. Continuo per la mia strada, ho una sensazione dentro, e quindi niente, continuo“.

Sui suoi aggressori invece afferma: “La vicenda l’ho seguita più in là, ma tutt’oggi non mi interessa, non ricordo i loro nomi e ripeto, non mi interessa. Ad oggi tutto ciò non cambia nulla, non mi fa tornare in piedi“. Manuel Bortuzzo si racconta a Domenica In

A concludere l’intervista è il papà di Manuel, Franco, che ha voluto ringraziare tutti coloro che gli sono stati vicini in questo periodo comunque delicato: “Noi stiamo bene, sono un padre fortunato perché ho figlio meraviglioso e altri tre ancora più belli e una moglie che mi ama. Abbiamo avuto la federazione vicino e anche Massimo Giletti, che comunque mi chiama ad ogni ora del giorno. Mi rendo conto che sono davvero una persona fortunata“. Manuel Bortuzzo si racconta a Domenica In

Vuoi rimanere sempre aggiornato?
Seguici su Facebook, Twitter e iscriviti al nostro canale Telegram.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome qui