Ragusa, ragazza di 13 anni vittima di prostituzione: arrestata la madre

1
366
Ragusa, ragazza di 13 anni vittima di prostituzione arrestata la madre

Ancora una volta ci troviamo costretti a raccontare una violenza sessuale su minore. A Ragusa una ragazza di 13 anni e vittima di prostituzione, ad essere arredata è stata la mamma.

Ragusa, ragazza di 13 anni vittima di prostituzione

Si tratta di un nuovo caso di violenze su minore, i fatti si sono verificati nella città di Ragusa dove la polizia ha provveduto ad arrestare cinque persone.

Secondo quanto reso noto una donna da qualche tempo faceva prostituire la figlia di 13 anni in cambio di soldi soldi e qualsiasi altra utilità, come ad esempio alloggio da parte dei clienti che passavano la notte con la ragazzina. I clienti erano di età compresa tra i 30 e i 90 anni. Una situazione di degrado, scoperta dalla squadra mobile di Ragusa.

Uomo di 61 anni voleva avere rapporti esclusivi con la tredicenne

La mamma della tredicenne aveva messo su un giro di quattro clienti fidati, braccianti agricoli con cui lavorava nei campi. I rapporti sessuali che aveva la figlia con loro avevano lo scopo di ricevere da questi uomini alloggio per la notte, soldi e non solo. La donna riceveva in cambio anche vino, birra, sigarette e doccia.

continua dopo la foto 

Uno degli aspetti più brutti di questa vicenda riguarda il fatto che la ragazza era abituata ad avere rapporti sessuali e non solo. Da qualche tempo la tredicenne aveva intrapreso una relazione con un marocchino di 30 anni, una cosa che avrebbe dato parecchio fastidio a un cliente della ragazzina. L’uomo in questione ha sessantuno anni e pretendeva dalla madre rapporti sessuali esclusivi con la ragazzina in cambio dell’uso esclusivo della casa a mare. Un qualcosa emerso grazie alle indagini coordinate dalla Procura Distrettuale di Catania, attraverso anche le intercettazioni telefoniche che hanno permesso di scoprire le comunicazioni che la donna intratteneva con i suoi clienti.

“Tutti sapevano”

Le intercettazioni, inoltre, ha permesso di scoprire le intenzioni di denunciare da parte della ragazza di 13 anni che adesso è stata affidata a un centro ascolto specializzato della polizia, che si occuperà di darle l’aiuto di una psicologa e tutto ciò di cui ha bisogno.

I racconti della ragazzina hanno permesso così di arrestare quattro uomini, due italiani uno di questi e 90 anni e due marocchini per violenza sessuale . Il Gip ha ha emesso una custodia cautelare anche per la mamma indagata per favoreggiamento alla prostituzione.
Nell’ordinanza del Gip, come pubblicato da Ansa, è possibile leggere: “Tutti sapevano che la piccola andava con i colleghi di lavoro ed invece di denunciare anche anonimamente si giravano dall’altra parte o peggio la cercavano per avere anche loro rapporti sessuali. Tutti sapevano, ma nessuno parlava. Il legislatore ha voluto proteggere i minori di 14 che non possono autodeterminarsi nel voler consumare un rapporto sessuale, non avendo ancora raggiunto quel grado di maturità“.

Vuoi rimanere sempre aggiornato?
Seguici su Facebook, Twitter e iscriviti al nostro canale Telegram.

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome qui