Palermo, operazione Sanguisuga: scoperti finti malati di talassemia per prendere la pensione INPS

0
780
operazione sanguisuga
Fonte Foto: newsicilia.it

Ben 39 soggetti si fingevano malati di talassemia per percepire la pensione INPS e la Guardia di Finanza di Palermo con l’operazione Sanguisuga ha eseguito un provvedimento di sequestro per equivalente nei confronti degli indagati per falso e truffa ai danni dell’INPS.

Finti malati di talassemia

Una truffa a tutti gli effetti: 39 soggetti percepivano indebitamente la pensione INPS fingendo di soffrire di talassemia esibendo anche certificati medici fasulli. Sono state effettuate delle indagini e, durante queste, sono emersi dei flussi anomali di spesa da parte di alcuni enti pubblici. Alcuni ispettori INPS hanno poi confermato l’attività illecita effettuando opportuni rilievi.

Le persone coinvolte, quindi, residenti a Palermo e provincia, beneficiavano di particolari indennità economiche dato che figuravano come pazienti con gravi patologie del sangue. Il tutto era provato tramite dei certificati medici falsi.

Operazione Sanguisuga

Nel corso dell’operazione Sanguisuga, coordinata dalla Procura di Palermo, la Guardia di Finanza ha eseguito un provvedimento di sequestro per equivalente per oltre 1 milione di euro, emesso dal Giudice per le indagini preliminari verso i 39 soggetti indagati con l’accusa di falso e truffa ai danni dell’INPS.

Continua dopo la foto

finti malati di talassemia
Fonte Foto: gds.it
Una sacca di sangue per trasfusioni in un’immagine d’archivio. ANSA/ARCHIVIO

Denunciati anche due dipendenti INPS

Coinvolti anche due dipendenti dell’INPS, che sono stati denunciati per essersi finti malati di talassemia. Uno di questi, che ha gestito le pratiche illecite per percepire indebitamente l’indennità, è in pensione e dovrà rispondere dei reati suddetti con l’aggravante della violazione dei doveri inerenti a una pubblica funzione.

Vuoi rimanere sempre aggiornato?
Seguici su Facebook, Twitter e iscriviti al nostro canale Telegram.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome qui