Catania. “L’Università renda conto agli studenti e non solo a procura e magistratura”

2
915

Le studentesse e gli studenti del CUC – Coordinamento Universitario Catanese appena è diventata di dominio pubblico la notizia che vedeva l’Università degli Studi di Catania al centro dell’operazione denominata “Università bandita”  hanno fatto sentire immediatamente la loro voce.

di Orazio Vasta

Voce che continueranno a fare sentire, assieme ad altre organizzazioni studentesche e giovanili, MARTEDÌ 2 luglio, dalle ore 16, al Rettorato: “Questo – spiega il Coordinamento Universitario –  perché crediamo fortemente che oggi sia necessario riaffermare a gran voce la centralità delle studentesse e degli studenti dentro l’Università: pretendiamo che il Direttore Amministrativo Bellantoni, che sta in questi giorni rilasciando dichiarazioni a nome dell’Università, ci faccia un chiaro quadro di quello che sta succedendo e succederà dentro UniCt”.

Pretendiamo i nostri diritti

Pretendiamo che i Diritti degli studenti vengano garantiti, e che questo non sia l’ennesimo giochetto di potere fatto tutto sulla nostra pelle, da far cadere in sordina.
Pretendiamo che questo sia il momento in cui si smetta di dire, come detto invece nelle intercettazioni dal Rettore Basile, che l’Università è un luogo riservato all’elité, ma che invece si ponga chiaramente sul piatto che tutte le Università dovrebbero essere un luogo aperto a tutte e tutti, con un vero Diritto allo Studio, garantito, aldilà di ogni merito individuale, in cui gli studenti e le studentesse hanno garanzia sulle borse di studio, sugli alloggi, sulle mense, e su tutto quello che ci spetta ma che non ci viene dato. Non c’è nessuna sorpresa per quello che è successo: che l’Università fosse piena di baroni e baroncini lo sapevamo già.
Che si giocasse sulle vite di chi fatica per pagare le tasse, lo sapevamo già.
Però ora la misura è colma: l’Università è di chi la vive, ed è il momenti di affermarlo a gran voce“.

Continua dopo la foto

Il presidio davanti al Rettorato

Presente al presidio davanti al Rettorato anche le militanti e i militanti del MUA – Movimento Universitario Autorganizzato :”A seguito dei fatti che hanno visto smantellare i vertici dell’Università degli Studi di Catania per corruzione, e che vedono coinvolte varie altre Università d’Italia,  insieme ad altri studenti, collettivi e associazioni universitarie ci siamo incontrati davanti al rettorato per prendere parola sui fatti e organizzarci.
Generazione dopo generazione, centinaia di persone sono state scartate per far post dentro l’università ad amici e parenti dei soliti noti e per questo è ovviamente necessario continuare ad accertarsi sui fatti e individuare quanto ancora oggi resta nell’ombra”.

Continua dopo la foto

Mobilitazione ad oltranza

La mobilitazione delle studentesse e degli studenti, che continuerà a oltranza, si è posta, però, anche e soprattutto altri obiettivi. In particolare l’idea venuta fuori e condivisa nei vari interventi è quella di costruire un percorso, fatto di analisi e di attacchi concreti, con cui tornare, da studenti, ad avere un peso nelle scelte universitarie. Ci rivedremo martedì, ancora davanti al rettorato, per continuare a discutere e riprenderci, passo dopo passo, la nostra Università. Rimanete sintonizzati per tutti gli aggiornamenti e contattateci per avere maggiori informazioni… Non c’è più tempo per aspettare che qualcuno migliori le cose al posto nostro, organizziamoci per riprenderci tutto!”.

Vuoi rimanere sempre aggiornato?
Seguici su Facebook, Twitter e iscriviti al nostro canale Telegram.

2 Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome qui