Trieste, riceve una multa e bestemmia: i poliziotti gliene fanno un’altra

0
220
Violenza sessuale centro massaggi como polizia

A Trieste, un automobilista riceve una multa per divieto di sosta e, a seguito di uno scatto d’ira, si lascia scappare una bestemmia. I poliziotti gliene fanno un’altra, un ‘sovrapprezzo’ a seguito della bestemmia.

Riceve una multa e bestemmia

Una reazione sbagliata è costata cara a un automobilista triestino. L’uomo aveva appena ricevuto una multa per divieto di sosta, dato che aveva lasciato la vettura in una zona adibita al carico/scarico merci e ha replicato bestemmiando. La vicenda è successa in piazza della Borsa a Trieste.

L’agente di Polizia, però, decide di fare un’ulteriore sanzione di €102 a seguito della bestemmia, poiché il turpiloquio è vietato nei luoghi pubblici. Quindi, non una multa ma due. A raccontare il tutto, diffondendo la notizia sui social, è un parente dell’uomo che ha ricevuto la contravvenzione.

Continua dopo la foto

multa per bestemmia
Fonte Foto: tpi.it

Bestemmia: reato o no?

Fino al 1999 la bestemmia era punita dal codice penale come un vero e proprio reato. Successivamente, però, ha subito un processo di depenalizzazione e, allo stato attuale, si tratta di un illecito amministrativo e le multe vanno da €51 a €309. Ancora, l’articolo 724 c.p. è stato modificato ed è stato esteso anche a “manifestazione oltraggiosa verso i defunti“.

Ecco il dispositivo della norma: “Chiunque pubblicamente bestemmia, con invettive o parole oltraggiose, contro la Divinità, o i Simboli o le Persone venerati nella religione dello Stato, è punito con la sanzione amministrativa pecuniaria da cinquantuno euro a trecentonove euro.
La stessa sanzione si applica a chi compie qualsiasi pubblica manifestazione oltraggiosa verso i defunti“.

Secondo la Corte di Cassazione, tra le altre cose, per ‘bestemmia’ non si intende solo quella rivolta contro Dio, ma anche verso le altre divinità delle diverse religioni del mondo, come per esempio Allah e Buddha.

Vuoi rimanere sempre aggiornato?
Seguici su Facebook, Twitter e iscriviti al nostro canale Telegram.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome qui