Muore Luciano De Crescenzo. Aveva 90 anni

0
126

L’ingegnere filosofo non c’è più. A 90 anni muore Luciano De Crescenzo che raccontò Napoli con ironia e parole semplici.

La filosofia era per tutti

Se volete leggere la biografia di Luciano De Crescenzo, morto oggi a all’età di 90 anni, vi invito a non continuare a leggere questo articolo. Non troverete nulla. Perché? Il copia incolla non mi interessa. Mi preme però ricordarlo per quello che per me, molto lontano dalla realtà napoletana e dagli studi classici, è stato e ha rappresentato. Da uomo comune mi sono avvicinato alla filosofia non grazie a un’insegnante pedestre e squallida, da copia incolla, che avevo al liceo scientifico, bensì grazie a lui. L’insegnate di filosofia per eccellenza. Niente paroloni. Nessuna frase astrusa ma un linguaggio semplice che catturava e coinvolgeva. Questo era Luciano De Crescenzo, per molti versi simile ad Andrea Camilleri che piangiamo per la recentissima scomparsa.

La napoletanità che lo piange

La sua “Storia della Filosofia – Greca, medievale e moderna” è per quello che riguarda il vostro cronista, la rappresentazione del suo essere. Mai banale, ironico, efficace e determinato a far capire ai più i concetti semplici di quello che è il pensiero umano. Al libro, questo povero disgraziato che scrive per voi, no c’è arrivato dalla lettura di una recensione o perché seguiva pedissequamente le sue pubblicazioni. No, non avrebbe mai potuto. A lui sono arrivato attraverso un altro grande, non della letteratura, ma del calcio. Maradona, con le sue splendide giocate mi fece innamorare di Napoli, della sua passione per la vita, di quella malinconia che spesso avvolge la città sotto il Vesuvio. Quelle lacrime e quel sorriso amaro di Pulcinella prima e quel riso amaro di Antonio De Curtis, erano incomprensibili per me. Dal calcio ai personaggi, a coloro che raccontavano del Vomero, dei quartieri spagnoli.

Eccolo Luciano con il suo “Il mistero di Bellavista“, e la sua spicciola filosofia. Una pillola mandata giù con un sorso d’acqua lungo 104 minuti. Tanto dura il film che ha contributo a cambiare il mio modo di vedere qualsiasi cosa. Da qui il desiderio di approfondire, e fino ad ora mai pago ogni cosa. Sempre con semplicità, con quel suo sorriso amaro a indicarmi la strada. Grazie Luciano.

Vuoi rimanere sempre aggiornato?
Seguici su Facebook, Twitter e iscriviti al nostro canale Telegram.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome qui