Discariche e corruzione: “Questa è la punta di un iceberg, il sistema va depurato dal malaffare”

0
103
palermo ars

Disagi quotidiani e costi extra a carico dei cittadini: il commento del Movimento dopo la sentenza di condanna di un funzionario regionale e alcuni imprenditori legati al sistema delle discariche private.

Discariche e corruzione

Il Movimento 5 Stelle scende nuovamente in campo e rompa il silenzio: “Dopo anni di denunce e sollecitazioni, raccogliamo un risultato giudiziario che fa emergere falle e pesanti
responsabilità nel sistema regionale di gestione dei rifiuti, sia per la parte pubblica che per quella privata. La condanna di corrotti e corruttori che interessa sia la parte pubblica che ben tre discariche, riteniamo sia la punta di un iceberg. C’è ancora parecchio da scavare, in tutta la Sicilia, per depurare veramente questo settore dalle insidie del malaffare. Un malaffare che diventa disagio quotidiano e produce costi extra sempre a carico dei cittadini”. Lo dice la deputata regionale Jose Marano, nel commentare la sentenza di primo grado che condanna per corruzione un ex funzionario in servizio all’assessorato regionale al Territorio e Ambiente e alcuni imprenditori legati alla gestione delle discariche di Motta Sant’Anastasia (nel Catanese), Mazzarrà Sant’Andrea (nel Messinese), e della Soambiente di Agrigento.

“Lo abbiamo sempre detto…”

Lo abbiamo sempre detto – aggiunge il deputato regionale Giampiero Trizzino e componente della commissione Ambiente – e continuiamo a ribadirlo: finché i rifiuti saranno nelle mani di poche famiglie, la Sicilia non uscirà mai dall’emergenza. Questa sentenza conferma le preoccupazioni che denunciamo sistematicamente da anni. I rifiuti devono diventare una risorsa per tutta la comunità, non solo per una cerchia elitaria”.

Angela Foti: “Bisogna dare un giro di vite”

Quando succedono questi fatti – sottolinea la deputata regionale Angela Fotibisogna dare un giro di vite, passare al setaccio e revisionare tutte le procedure seguite dai funzionari coinvolti in indagini in generale, perché è probabile che si tratti di un modus operandi diffuso. Facciamo un plauso alla magistratura e ribadiamo la necessità di andare
verso un sistema basato sulle discariche pubbliche”.

Luciano Cantone: “In attesa che la Regione emani un piano dei rifiuti”

Per evitare che le comunità coinvolte nelle vicende processuali – dice poi il deputato nazionale Luciano Cantonecontinuino a subire disagi, voglio invitare gli organi competenti a concludere le procedure necessarie per valutare se sussistano i requisiti per il prosieguo delle attività. Altrimenti, in attesa che la Regione emani un piano dei rifiuti, si deve procedere alla chiusura”.

Vuoi rimanere sempre aggiornato?
Seguici su Facebook, Twitter e iscriviti al nostro canale Telegram.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome qui