Commento inopportuno sul carabiniere ucciso a Roma: “Uno in meno…”, è bufera sul web

0
189
Cerciello Rega Mario FACEBOOK
Fonte Foto: ansa.it In foto, il carabiniere Cerciello Rega Mario

La notizia dell’omicidio che ha visto coinvolto un Vice Brigadiere a Roma ha scosso un po’ tutti e tantissimi sono stati i messaggi da parte del popolo del web per esprimere vicinanza alla moglie e alla famiglia della vittima. Anche l’Arma dei Carabinieri, Matteo Salvini e altri hanno dichiarato il loro rammarico misto a rabbia per un episodio che ha segnato un po’ tutti. Tra i vari post, però, emerge un commento decisamente inopportuno sul carabiniere ucciso a Roma ed è subito bufera sul web.

Omicidio del Vice Brigadiere

Era il 25 luglio quando, mentre il Vice Brigadiere Mario Cerciello Rega era in servizio, si è consumata la tragedia. Infatti, stava cercando di fermare due soggetti accusati di furto ed estorsione e uno di loro lo ha colpito con ben otto coltellate che si sono rivelate poi mortali. Nonostante il trasporto in ospedale, infatti, non c’è stato nulla da fare.

Mario Cerciello Rega aveva 35 anni, si era sposato da 43 giorni e era da poco rientrato dal viaggio di nozze. Tanti progetti, tra cui un figlio, e una vita davanti che è stata spezzata senza pietà e senza alcuna colpa da parte della vittima. Stava solo svolgendo il suo lavoro con dedizione e disciplina, come da anni faceva. Nel corso del pomeriggio del 26 luglio, due americani sono stati fermati e, dopo un lungo interrogatorio, uno dei due ha confessato l’omicidio. Entrambi si trovano, allo stato attuale, al carcere di Regina Coeli di Roma.

Commento inopportuno sul carabiniere ucciso a Roma

Tantissimi sono stati i messaggi di vicinanza e di cordoglio scritti in ogni dove per il carabiniere ucciso a Roma. Tra tutti i commenti, però, salta all’occhio uno che andava decisamente contro corrente. I parlamentari della Lega Paolo Tiramani e Cristina Patelli, a seguito delle numerose richieste di intervento da parte di alcuni utenti, hanno segnalato il messaggio. Proprio loro, indignati, hanno affermato: “Un commento vergognoso, a maggior ragione se davvero arriva da un’insegnante“.

Sulla pagina Facebook, infatti, proprio un’insegnante di Novara, a proposito dell’omicidio ha scritto: “Uno di meno e chiaramente con uno sguardo poco intelligente. Non ne sentiremo la mancanza“. Dopo la lettura di queste parole è iniziata subito una bufera sul web.

Continua dopo la foto

carabiniere ucciso a roma commento

Le scuse dell’insegnante

L’insegnante in questione ha poi smentito tutto dicendo: “Amici mi spiace per quanto sta accadendo, non me lo spiego proprio. Chi mi conosce spero sappia che non la penso così“. A seguito della richiesta di spiegazioni da parte dell’Ansa, ecco che la donna porge le sue scuse: “Ho commesso un errore gravissimo, me ne sono resa conto appena ho cliccato su invia, ma ormai il danno era fatto. Ho scritto una cavolata, non c’è nulla da dire“.

E poi continua: “Mi sono lasciata guidare dalla sensazione che spesso le forze dell’ordine non intervengono quando serve, quando una donna è maltratta o peggio, si muovono solo quando ormai è troppo tardi. E ho scritto quell’enorme sciocchezza, senza nemmeno pensare alla vedova e a chi voleva bene al Vice Brigadiere, una sciocchezza che ho provato a correggere immediatamente con un altro post, ma ormai“.

Infine: “Voglio chiedere scusa a tutti. In particolare a chi era vicino al militare e ora è straziato dal dolore e chiedo scusa all’Arma dei Carabinieri e all’Italia intera. Sono stata una stupida“.

Vuoi rimanere sempre aggiornato?
Seguici su Facebook, Twitter e iscriviti al nostro canale Telegram.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome qui