Perplessità sulla Ragusa-Catania: il commento di Peppe Scifo, segretario della CGIL di Ragusa

0
463
autostrada catania ragusa
Fonte Foto: ragusaoggi.it

Sembrava essere archiviata, a seguito dell’accordo con l’Anas, la questione relativa la realizzazione dell’Autostrada Ragusa-Catania. Invece, emergono nuove perplessità e a metterle in luce è Peppe Scifo, segretario della CGIL di Ragusa.

Autostrada Ragusa-Catania: sì o no?

Mettiamo subito in chiaro che, secondo quanto reso noto, il Ministro delle Infrastrutture Danilo Toninelli ha dichiarato che non c’è alcun pericolo e che l’autostrada Ragusa-Catania verrà realizzata. C’è anche un’altra novità: sarà gratis, zero pedaggi.

Queste certezze provengono dal momento in cui è stato firmato l’accordo con l’Anas, concessionario che subentrerà al posto della Sarc. Si attende, dunque, solo il via, nonostante tutte le polemiche che, invece, ci sono state in precedenza.

Continua dopo la foto

peppe scifo
Fonte Foto: ragusaoggi.it
In foto, Peppe Scifo

Perplessità sulla Ragusa-Catania

Continuano, però, le perplessità sulla Ragusa-Catania e, in particolare, le mettono in luce la CGIL di Ragusa e la Fillea CGIL, Federazione dei Lavoratori delle Costruzioni. Nello specifico, proprio Peppe Scifo, segretario della CGIL di Ragusa, dichiara: “È di sicuro un primo atto concreto, dopo mesi di annunci, ora la battaglia si sposta sulla concreta realizzazione dell’opera che per il territorio ragusano è fondamentale. La preoccupazione non si riduce se pensiamo all’instabilità e rissosità quotidiana di questo Governo“.

Del parere opposto e molto fiduciosi nel futuro sembrano, invece, Paolo Ficara e Marialucia Lorefice del M5S che, come abbiamo avuto modo di spiegare (vedi l’articolo, Clicca Qui), avevano detto: “La migliore risposta è nei fatti, troppe polemiche strumentali e troppe posizioni incomprensibili. Le polemiche non portano da nessuna parte. Smentiti i critici per partito preso“.

Vuoi rimanere sempre aggiornato?
Seguici su Facebook, Twitter e iscriviti al nostro canale Telegram.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome qui