Diabete: lotta al killer silenzioso, come difendersi dai suoi attacchi?

0
941
diabete killer

In studi su animali, si sono dimostrati promettenti diversi approcci per la terapia del diabete di tipo 1 e 2: dal farmaco che riattiva i recettori per l’insulina alla dieta che rigenera il pancreas. La speranza è che possano funzionare anche nell’uomo. Si stima che siano circa 400 milioni le persone affette da diabete in tutto il mondo. Dieta stretta, alcuni farmaci, o iniezioni di insulina sono gli unici modi per cercare di tenere sotto controllo i livelli degli zuccheri nel sangue di una condizione che oggi può essere tenuta a bada ma non “guarita”. Altre strade, ultimamente, fanno presagire risultati promettenti, anche se per adesso solo in studi su animali: ecco il punto della situazione su tre ricerche interessanti.

Svegliatevi recettori

Un gruppo di ricerca all’università della California, ha sperimentato sui topi una terapia, sotto forma di una pillola giornaliera, che sembra in grado di far regredire la resistenza all’insulina e tenere sotto controllo il diabete. Il farmaco funziona inibendo un enzima (la molecola LMPTP) coinvolto nel processo che rende le cellule non più sensibili all’ormone. In pratica, la molecola “risveglia” i recettori per l’insulina sulla superficie delle cellule del fegato, che normalmente hanno il compito di assorbire l’eccesso di glucosio nel sangue quando captano la presenza di insulina. In topi obesi che avevano sviluppato il diabete dopo essere stati nutriti con una dieta ad alto contenuto di grassi, in modo da mimare la condizione del diabete di tipo 2, il farmaco è riuscito in un mese a far regredire la malattia. Adesso bisognerà vedere se l’uso della molecola è sicuro per l’uomo (altri farmaci che hanno un enzima della stessa famiglia come target hanno importanti effetti collaterali) e se i risultati si confermano.

continua dopo la foto

Metti il pancreas a dieta

Non si lavora solo sul fronte dei farmaci. Anche un tipo particolare di dieta potrebbe servire a far regredire in modo importante i sintomi del diabete. È il caso della cosiddetta dieta mima-digiuno, che prevede alcuni giorni di restrizione calorica inseriti periodicamente all’interno di un programma di alimentazione normale, e che già si è confermata utile anche nell’uomo per migliorare diversi parametri metabolici. In topi nutriti con questo stile alimentare, il gruppo di ricerca è riuscito a ottenere la crescita di nuove cellule del pancreas in grado di produrre insulina, e una regressione dei sintomi del diabete. La ricerca ha rivelato che geni normalmente attivi nel pancreas in fase di sviluppo di topi allo stadio embrionale si riattivano negli animali adulti diabetici con la dieta mima digiuno (4 giorni a settimana di restrizione calorica, seguiti da tre di alimentazione normale). In questo modo, aumenta una proteina che promuove la creazione di nuove cellule del pancreas produttrici di insulina.

continua dopo la foto

A base di fibre

Ancora sulla dieta si punta come possibile mezzo di prevenzione del diabete di tipo 1, quello giovanile, che insorge nei bambini, in cui il sistema immunitario distrugge progressivamente le cellule del pancreas che producono insulina. In questo caso, un gruppo di ricercatori della Monash University di Melbourne ha provato a ritardare l’insorgere della malattia in topi geneticamente modificati in modo da sviluppare il diabete, nutrendoli con una dieta molto ricca di fibre, in particolare amido di mais ad alto contenuto di amilosio.

Queste fibre sono indigeribili nella prima parte dell’intestino, ma vengono poi scisse dai microbi nel colon in due tipi di acidi grassi a catena corta: acido acetico e butirrico. Queste due sostanze sembrano in grado di rallentare la reazione del sistema immunitario che porta alla distruzione delle cellule produttrici di insulina nel pancreas. Rispetto agli animali nutriti normalmente, che hanno sviluppato nel 70 per cento dei casi l’equivalente del diabete di tipo 1, di quelli che hanno consumato la dieta con le fibre quasi nessuno si è ammalato. Benché gli effetti siano da verificare negli esseri umani, è una delle prime sperimentazioni in cui agendo solamente sulla dieta sembra sia possibile modificare il corso del diabete giovanile.

Dott. Luca Ferlito
Mail: ferlitoluca@gmail.com
Cell. 3334472360

Vuoi rimanere sempre connesso?
Seguici su Facebook, Twitter e iscriviti al nostro canale Telegram.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome qui