Lavoro, MD Spa rileva supermercati gruppo Abate garantendo i lavoratori

2
1428

MD Spa gruppo leader per la grande distribuzione alimentare che ha rilevato diversi punti vendita a Catania del raggruppamento Abate, garantirà il lavoro dei 225 dipendenti precedentemente impiegati.

MD Spa rileva supermercati gruppo Abate garantendo i lavoratori

La rassicurazione sul mantenimento dei livelli occupazionali è stata prospettata al sindaco Salvo Pogliese dal cav. Patrizio Podini, a capo del grande gruppo italiano per la grande distribuzione organizzata, che ha confermato la riapertura dei 21 punti vendita nell’isola.

Il sindaco ha preso atto con soddisfazione della linea di MD Spa di aver tutelato il posto di lavoro dei dipendenti, una soluzione che il primo cittadino dall’inizio ha auspicato. Patrizio Podini, imprenditore bolzanino da decenni impegnato alla grande distribuzione,presidente e fondatore di MD Spa, che ha spiegato al sindaco: “Investire in questa regione – ha detto Podiniè stato emozionante, un punto prioritario della nostra attività ridare fiducia a lavoratori e famiglie, che vedevano minacciata la propria stabilità, il proprio posto di lavoro”.

All’incontro con il primo cittadino, hanno partecipato anche il responsabile dello sviluppo territoriale per Calabria e Sicilia di MD Spa Roberto Cortese e il manager siciliano Marcello Motta.

Vuoi rimanere sempre aggiornato?
Seguici su Facebook, Twitter e iscriviti al nostro canale Telegram.

2 Commenti

  1. CATANIA – C’ una nuova preoccupazione in Sicilia per i posti di lavori nella Grande distribuzione. Dopo la recente dismissione del gruppo catanese Abate (ex proprietario tra l’altro del centro commerciale Etnapolis di Belpasso) e della chiusura del supermercato di San Giuseppe La Rena (a marchio Auchan), arriva la notizia su scala nazionale della dipartita commerciale di Auchan-Retail che di fatto si ritira dal Paese cedendo la maggior parte di ipermercati, supermercati e negozi al gruppo italiano Conad. Un affaire del valore di circa 1 miliardo di euro che riporta sotto la bandiera italiana gran parte di quella Grande distribuzione rimasta dal 2004 sotto l’egida francese. Ma cosa comporta questo cambio di marchio per gli iper e i super che vengono rilevati e ancora pi per quelli che restano fuori dagli accordi, anche in Sicilia?

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome qui