Nave con grano canadese a largo di Pozzallo. Scatta richiesta di accesso agli atti da M5S

0
436

L’europarlamentare Ignazio Corrao incalza le dogane e la Regione Siciliana: “Basta grano tossico sulle nostre tavole”.

Nave con grano canadese a largo di Pozzallo

Sto ricevendo decine di segnalazioni dalla Sicilia orientale dove, a largo delle coste di Pozzallo, sarebbe in attesa di attraccare una nave carica di grano proveniente dal Canada. Sono già in contatto con le autorità doganali del luogo per avere riscontro sui controlli e i risultati ma chiedo risposte ufficiali da parte della Regione Siciliana, cui ho chiesto i documenti amministrativi relativi alle importazioni di tale carico. Basta grano tossico sulle nostre tavole”. A dichiararlo è l’europarlamentare del Movimento 5 Stelle Ignazio Corrao a proposito delle segnalazioni di una nave in avvicinamento al porto di Pozzallo che trasporta grano proveniente dal Canada.

“Una pratica assolutamente deprecabile”

Nella nota alla stampa, il Movimento 5 Stelle continua affermando: “Come ben sappiamo purtroppo – spiega Corraoil livello di tossicità del grano d’importazione che proviene dal Canada ha livelli molto diversi rispetto agli standard del nostro Paese. Gli importatori, utilizzano tale prodotto per mischiarlo ai cereali locali per abbassare il livello di tossicità. Una pratica assolutamente deprecabile dal punto di vista della salubrità dei prodotti che finiscono sulle nostre tavole e ovviamente anche dal punto di vista economico, perché in questo modo, viene avallato il deprezzamento del prodotto locale, che invece ha caratteristiche di organolettiche e di salubrità eccellenti. Ho appena depositato richiesta ufficiale di accesso agli atti ad indirizzo del Dirigente Generale del Dipartimento Agricoltura Dario Cartabellotta e del direttore Agenzia Dogane Monopoli siciliana per conoscere i titoli e le note esplicative relative a tale carico di grano, ai sensi di un preciso regolamento dell’Unione Europea e l’esito di eventuali controlli in termini di verifica della quantità di glifosato. Le istituzioni – conclude Corraohanno il compito e il dovere preciso di tutelare la salute e l’economia dei propri concittadini”.

Vuoi rimanere sempre aggiornato?
Seguici su Facebook, Twitter e iscriviti al nostro canale Telegram.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome qui