STMicroelectronics, lavoratori stabilizzati. “Atto dovuto, importante boccata d’ossigeno per Catania”

0
474

Nel corso della giornata di ieri è stata diffusa la notizia tanto attesa che riguarda la stabilizzazione dei lavoratori della StMicroelectronics. Nel dettaglio di tratta di contratti a tempo indeterminato, 130 lavoratori che erano con contratto a tempo determinato. A commentare il risultato è stata la sezione dell’UGL.

STMicroelectronics, lavoratori stabilizzat

A seguito della stabilizzazione dei lavoratori della StMicroelectronics è stata l’UGL che in una nota alla stampa ha dichiarato: “Accogliamo con soddisfazione la notizia della stabilizzazione di 128 lavoratori che fino a ieri, all’interno dello stabilimento STMicroelectronics di Catania, lavoravano a tempo determinato dopo essere stati assunti negli anni grazie ai ‘Summer job’. Un annuncio che, finalmente, arriva dopo diversi solleciti, anche perché si tratta di innesti concordati con le organizzazioni sindacali nell’accordo con il quale nel 2011 venne istituito il 21° turno invernale e rilanciati nel 2017 con l’estensione anche per il periodo estivo della stessa turnazione. Dobbiamo dare atto all’azienda che ha tenuto fede, seppur non tempestivamente, all’impegno assunto e frutto delle rinunce dei lavoratori che, con grande senso di responsabilità, sono venuti incontro alle richieste avanzate dai vertici aziendali“.

“Si tratta di un’opportunità preziosa”

Giovanni Musumeci, segretario generale territoriale della UGL, ed Angelo Mazzeo segretario provinciale della UGL metalmeccanici di Catania nella nota alla stampa continuano dicendo: “Quanto ha fatto la STM, con la spinta propulsiva del sindacato, è un fatto doppiamente straordinario nel panorama nazionale poiché, nonostante il mercato stia vivendo in questo periodo una fastidiosa fase di stagnazione, si mantiene un organico di 4.500 unità lavorative e si continuano a fare assunzioni (dopo i lavoratori ex Micron). Ovvero il contrario di ciò che sta avvenendo su altre realtà multinazionali presenti in Italia, come la cronaca riporta con cadenza quotidiana. In secondo luogo per Catania si tratta di un’opportunità preziosa, visto il momento buio che sta vivendo il comparto del lavoro, in un’area ancora purtroppo fortemente disagiata e penalizzata dalla carenza di basi e dall’inerzia nei confronti dello sviluppo“.

Il nostro augurio è che adesso non si debba aspettare altri 8 anni per festeggiare nuove assunzioni, ma si continui a correre per completare l’organico del modulo M9 ancora non al 100%, un’occasione per rilanciare l’importanza e la voglia di investire della STMicroelectronics su Catania ed una seria valvola di sfogo occupazionale in una terra che reclama lavoro. Come sindacato, in questo senso, non possiamo che auspicare il rafforzamento di un sostegno concreto delle istituzioni ad ogni livello affinchè per tutte quelle aziende, come STM, che credono fortemente nella Sicilia e nei suoi giovani che per lavorare non debbono più emigrare”.

Vuoi rimanere sempre aggiornato?
Seguici su Facebook e Twitter o iscriviti al nostro canale Telegram!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome qui