Catania, rissa violenta tra due fratelli per il reddito di cittadinanza: uno arrestato

1
203
arresto carabinieri

Scoppia una rissa violenta tra due fratelli per il reddito di cittadinanza. Entrambi avevano fatto richiesta, ma la carta è stata intestata ad uno solo perché i due avrebbero dovuto dividere l’importo, dato che convivevano insieme. Si sfiora la tragedia, uno dei due è stato arrestato e l’altro, dal litigio, è rimasto ferito.

Rissa violenta tra due fratelli per il reddito di cittadinanza

Protagonisti di questa pagina di cronaca sono due fratelli di Acireale, in provincia di Catania, che hanno litigato, in maniera molto violenta, per l’attribuzione della cifra del reddito di cittadinanza.

Entrambi hanno richiesto la Carta di Cittadinanza e l’Inps ne ha inviata una sola, intestata al maggiore, con la somma di €700 da dividere tra i due. Non convinti di ciò, i fratelli si sono recati presso un patronato per avere delucidazioni e, infatti, la risposta che hanno ricevuto è stata la conferma: poiché conviventi, la cifra era unica ma valeva per entrambi. Il maggiore, però, continuava a sostenere che il Reddito di Cittadinanza spettasse solo a lui.

Continua dopo la foto

litigano per reddito di cittadinanza
Fonte Foto: silenziefalsita.it

Un fratello ferito, uno arrestato

Per poco, non si è sfiorata la tragedia. Infatti, questa situazione causava ai due fratelli continui litigi, sempre più violenti. L’apice si è raggiunto quando il fratello minore ha spinto l’altro verso la porta finestra, rompendo il vetro, e procurando al maggiore profonde ferite in diverse parti del corpo e al collo. Subito, infatti, è stato trasportato in ospedale dal terzo fratello, estraneo alla lite che conviveva con gli altri due, ed è ricoverato in prognosi riservata.

L’altro fratello, invece, di 43 anni è stato arrestato con l’accusa.di lesioni personali aggravate ed è stato tradotto.presso il carcere di Piazza Lanza di Catania, esperite tutte le formalità di rito.

Vuoi rimanere sempre aggiornato?
Seguici su Facebook, Twitter e iscriviti al nostro canale Telegram.

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome qui