Agrigento, protesta in carcere per disservizio idrico: l’intervento dei Vigili del Fuoco

0
205
rivolta carcere Sanremo

Da una segnalazione ad una vera e propria protesta in carcere per un disservizio idrico. Manca l’acqua in tutti i locali, i detenuti della casa circondariale di Agrigento non ci stanno e fanno sentire la loro voce. Intervengono anche i Vigili del Fuoco per tentare di placare gli animi.

Protesta in carcere per disservizio idrico

Presso il carcere Pasquale Di Lorenzo di contrada Petrusa ad Agrigento è scoppiata una vera e propria rivolta tra i detenuti per la mancanza di acqua in tutta la struttura. Un clima invivibile che si protraeva per giorni.

La situazione è stata segnalata in Prefettura e tempestivamente sul posto sono stati inviati i Vigili del Fuoco per tentare di arginare il problema e hanno dato un aiuto effettivo con le loro autobotti. L’arrivo dei pompieri ha anche evitato che la rivolta degenerasse in un clima diffuso di tensione e minasse la sicurezza all’interno della struttura.

Continua dopo la foto

Uccide il figlio in carcere

Incendia un materasso in carcere

Ad inizio mese, presso lo stesso carcere, un detenuto ha aggredito uno degli agenti di Polizia penitenziaria e, successivamente, ha incendiato un materasso. Questo ha provocato un’intossicazione diffusa tra i detenuti e non solo, dato che anche un agente ne è rimasto coinvolto.

In quell’occasione, tempestivamente, i soggetti colpiti sono stati trasportati presso l’Ospedale San Giovanni di Dio di Agrigento, scortati dalla Polizia penitenziaria e dagli agenti della Polizia di Stato, per ricorrere alle opportune cure mediche del caso.

Vuoi rimanere sempre aggiornato?
Seguici su Facebook, Twitter e iscriviti al nostro canale Telegram.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome qui