Comitato “Terranostra” su attività aggregative per gli anziani a Catania

0
504
OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Più aggregazione, più attività e più iniziative che coinvolgano gli anziani di Catania e li rendano protagonisti del piano di vivibilità che questa amministrazione sta intraprendendo da mesi.

Nuova segnalazione del comitato Terranostra

Questo è quello che chiede il comitato Terranostra dopo che il suo componente Carmelo Sofia, nelle ultime settimane, ha avuto modo di confrontarsi e di discutere delle richieste e dei progetti di molte associazioni della terza età. Da qui la proposta al Sindaco Pogliese di affidare ad alcuni gruppi di pensionati alcune stanze delle sei circoscrizioni catanesi che restano spesso vuote e assolutamente inutilizzate. Con la fine del mese di agosto e l’inizio di settembre la stagione estiva può ormai considerarsi conclusa. Questo vuol dire pure l’inizio del periodo delle piogge con parchi e piazze che non possono essere più considerati luoghi di socializzazione quotidiani perché, salvo sporadici casi, non offrono ripari sicuri contro vento,freddo e temporali.

“Le persone si aggregano in modo del tutto volontario”

Da qui la proposta di assegnare in modo assolutamente gratuito sale e spazi specifici al chiuso nelle municipalità di Catania. Un progetto che deve passare con l’attivazione di una cabina di regia per creare iniziative, laboratori e momenti di aggregazione che si concentrino sulla terza età. La popolazione del capoluogo etneo oggi è sempre più vecchia e chiede servizi e strutture in una città che per troppe volte li ha quasi completamente ignorati. Molte attività a loro dedicate, in passato,sono state assolutamente insufficienti perché spesso frutto di singole iniziative di poche associazioni.

Nella nota alla stampa diffusa dal comitato Terranostra è possibile leggere anche: “Trascorso il periodo limitato dell’evento, si tornava al punto di prima. Attualmente a Catania la stragrande maggioranza dei pensionati si aggrega in modo del tutto volontario tra mille problemi e carenze come piazze privi di bagni pubblici. Per queste ragioni il comitato spontaneo Terranostra chiede che vengano individuati quei punti di ritrovo nelle municipalità dove si possa fare sport o parlare in modo sicuro e quotidiano“.

Vuoi rimanere sempre aggiornato?
Seguici su Facebook, Twitter e iscriviti al nostro canale Telegram.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome qui