Catania. La via Quartararo rimane tombata, senza vie di fuga

0
131

Ritorniamo a denunciare li stato di salute in cui versa a Catania la via Riccardo Quartararo, una traversa di via Del Bosco, nel cuore del quartiere Barriera, una strada tombata. In questa strada c’è una scuola, la succursale dell’Istituto comprensivo Italo Calvino, che conta 16 aule, fra la scuola dell’infanzia, la primaria e la secondaria.

Ma perché la strada è ancora chiusa?

Il terreno a ridosso dell’edificio scolastico è proprietà privata. Circa 10 anni fa, a causa di lavori sulla via Del Bosco, la strada è stata aperta al traffico veicolare. Era stato creato un breve tratto di strada asfaltata e con la segnaletica orizzontale, che confluiva al Largo Seminara, area d’emergenza individuata dalla Protezione Civile come luogo da raggiungere in caso di terremoto, area irraggiungibile da via Quartararo!

Finiti i lavori sulla via Del Bosco, la strada è stata chiusa dal proprietario con pesanti massi e una sbarra di ferro. Successivamente, com’è adesso, con un cancello di ferro e catena con catenaccio. Evidentemente, il Comune di Catania avrà a suo tempo preso degli accordi con il proprietario del terreno, che, intanto, “ospita” un alto palo con un ripetitore di telefonia mobile.

Perché questo accordo è saltato?

Quindi, di fatto, la scuola è senza via di fuga, come gli stessi residenti di via Quartararo, strada ridotta ad una sorta di zona franca per chiunque voglia posteggiare in doppia fila, sulle strisce pedonali, davanti ai cassonetti della spazzatura, davanti alla scuola, davanti alle scivole dei garage. Accade a tutte le ore, comprese le ore notturne.
La situazione diventa drammaticamente caotica e pericolisissima nelle ore dell’entrata e dell’uscita della scuola, come dimostrano le mie foto qui pubblicate. Una strada senza sbocco con una scuola che ospita infanzia, primaria e secondaria.  Una strada senza vie di fuga. E mai un vigile urbano. Una gravissima situazione che nessuna amministrazione comunale ha mai preso in carico. Intanto, in via Quartararo accade anche che la ditta che gestisce la raccolta dei rifiuti solidi urbani ha eliminato il cassonetto per la raccolta dell’umido. Perché? Mistero.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome qui