Catania. Con esaurimento nervoso, causa lavoro, vogliono le dimissioni

0
908

Catania. Felicia: ” Il neurologo mi ha riscontrato un esaurimento nervoso causato dal lavoro… E loro vogliono le mie dimissioni”.

Ancora un donna siciliana sulla barricata contro lo sfruttamento. Felicia, catanese, 45 anni, ha scritto un messaggio ai titolari della cooperativa in cui lavora per dire che sta male a causa del lavoro che svolge e che non ha alcuna intenzione di sottoscrivere dimissioni volontarie. Ma, Felicia non pensa solo al suo stato di salute. Va oltre e mi dice: “Come ho scritto ai titolari della Coop, il mio esaurimento non mi permette di aiutare le persone persone anziane, depositate nella struttura e abbandonati…”.
La vicenda di Felicia mette a nudo il mondo sommerso, na non tanto, dove tante cooperative – di qualsiasi tipologia – praticano la macelleria dello sfruttamento delle lavoratrici e dei lavoratori. È facile in un contesto del genere capire quale sia la qualità della vita degli “ospiti”.

IL MESSAGGIO DI FELICIA AI TITOLARI DELLA COOP SOCIALE

“Ho un certificato medico rilasciato dal mio neurologo, che mi ha riscontrato un esaurimento nervoso causato dal lavoro… Devo sottopormi a terapie farmacologiche intensive. Volete le mie dimissioni volontarie? Sappiate che non è mia intenzione dare dimissioni volontarie…Ho compreso che volete questo. Ma, dopo l’intenso lavoro a cui sono stata sottoposta, e’ normale che non riesco più a continuare a lavorare in queste condizioni. Ho sempre mal di testa e non sono efficente al tipo di lavoro che svolgo . Decidete voi.
Io ho un certificato medico. Dovro’ prolungare il periodo di malattia. Non sono più in grado di ascoltare i problemi di quella povera gente abbandonata dentro la struttura della cooperativa.
Io devo pensare alla mia salute mentale, prima di tutto e tutti” .

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome qui