Catania, controlli al cimitero: riscontrate irregolarità, emanate sanzioni e denunce

0
79
controlli al cimitero
Fonte Foto: cataniatoday.it

La Polizia ha effettuato diversi controlli al cimitero di Catania e sono emerse non poche irregolarità, oltre ad essere emanate sanzioni e denunce.

Controlli al cimitero

I controlli della Polizia nell’intero quartiere Zia Lisa di Catania sono mirati a contrastare l’illegalità in tutte le sue forme. Al centro del mirino, in particolare, il cimitero dove sono emerse diverse irregolarità.

Innanzitutto, 7 persone sono indagate con l’accusa di vari reati, per esempio truffa aggravata ai danni dello Stato. In più, sono stati scovati 9 lavoratori in nero e sono stati effettuati 2 sequestri penali e 1 amministrativo. All’interno del cimitero, tra le altre cose, sono state elevate alcune sanzioni per violazione al Codice della Strada. Alcuni conducenti, infatti, erano privi di patente di guida e i veicoli non avevano l’opportuna revisione e copertura assicurativa.

Sicurezza a rischio

Problemi anche per quanto riguarda la sicurezza del luogo e dei lavoratori. Nel cimitero, infatti, la Polizia ha controllato due cantieri edili che stavano realizzando alcuni loculi.

Tutti i muratori non avevano casco, cinture di sostegno e altre attrezzature idonee a lavorare in condizioni protette. In più, operavano su un ponteggio assolutamente non a norma. La Polizia ha sequestrato preventivamente i cantieri e i veicoli utilizzati, privi di assicurazione e revisione, onde evitare danni peggiori. Irrogate anche sanzioni amministrative pecuniarie.

A questo si aggiunge il fatto che un operaio percepiva l’indennità di disoccupazione e poi, in nero, svolgeva attività lavorativa al cimitero. Per questa ragione è stato indagato per truffa aggravata.

Continua dopo la foto

cimitero catania
Fonte Foto: cataniatoday.it

Controlli nell’area antistante il cimitero

I controlli della Polizia si sono esteri anche nell’area antistante il cimitero. Proprio qui, gli agenti hanno evidenziato un negozio di stucchi abusivo, con lavoratori in nero e un minore.

Ancora, due soggetti occupavano circa 1000 metri quadri di suolo pubblico in modo del tutto illegale, creando non pochi disagi per la circolazione di veicoli e pedoni.

Vuoi rimanere sempre aggiornato?
Seguici su Facebook, Twitter e iscriviti al nostro canale Telegram.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome qui