Catania. Il Centro Direzionale San Leone non è mai esistito : ecco che fine hanno fatto oltre 5 milioni di euro

0
1040

L’incredibile storia lunga più di 20 anni quella del Centro Direzionale San Leone e di 5 milioni di euro.

A distanza di quasi quattro anni dall’inaugurazione sono andato, come un cittadino che doveva richiedere un certificato di stato di nascita storico, al numero 23 di  via La Marmora, in un luogo dove una megastruttura destinata ad essere un Centro Direzionale è stata trasformata in un centro di servizi demografici, mentre il comune ha ospitato  l’odioso Frontex nei locali storici dell’anagrafe cittadina di via Castello Ursino trasferita nella struttura di via La Marmora.

 DALLA CATTEDRALE NEL DESERTO AL DESERTO NELLA “CATTEDRALE”

  1. “Era una delle grandi incompiute di Catania. Ci sono voluti quindici anni ma adesso Catania ha uno dei più bei centri direzionali d’Italia”, con queste parole, l’1 dicembre 2015,  il sindaco Enzo Bianco inaugurava la nuova sede dei Servizi Demografici, Decentramento e Statistica, in Via Alessandro La Marmora n 23, all’interno di quell che in realtà sarebbe dovuto essere il Centro Direzionale San Leone, che si trova nell’omonimo quartiere, quartiere sorto negli anni Cinquanta e intitolato dall’Amministrazione comunale a Leone II il Taumaturgo, che nel 765 divenne il quindicesimo vescovo di Catania e venne poi proclamato santo. A proposito  di Vaticano, più avanti vedremo,  che ha da “spartire” con la megastruttura comunale di via La Marmora 23.
    La grande incompiuta di Catania di cui parlava Bianco durante l”inaugurazione ha un’area di circa 12.000 metri quadrati, in gran parte a verde, dove ufficialmente sono ospitati i Servizi demografici (Anagrafe, Stato Civile, Ufficio elettorale, Toponomastica), i Servizi di Decentramento e Statistica e alcuni servizi del Corpo della Polizia Municipale, con cinque distinti padiglioni contraddistinti, al momento dell’inaugurazione , da lettere e da una segnaletica colorata per facilitare l’accesso ai vari servizi. In realtà, dopo poco più di quattro anni dall’inaugurazione, gran parte della segnaletica non corrisponde più alla reale disposizione degli uffici, per cui, non ci vuole tanto per capire cosa accade alle cittadinie e ai cittadini che seguono i cartelli in un’area che si estende in 12 mila metri quadri! Non solo. I 5 famosi padiglioni sono praticamente monumenti al nulla che avanza. Tutta l’attività è concentrata in un lato pianoterra dei 12 mila metri quadri di struttura.

IL COSTO DELL’APPALTO 5,2 MILIONI DI EURO CON L’AZIENDA VINCITRICE BLOCCATA DALL’ANTIMAFIA

Il Centro Direzionale di San Leone è stato ideato nel biennio 1997-98. Il faraonico progetto  è stato approvato nel 2003 con una determina dirigenziale.  I lavori, appaltati nel 2006 per un importo di 5,2 milioni di euro, proseguirono regolarmente fino al 2009, quando furono sospesi per un’informativa antimafia nei confronti dell’impresa capofila dell’Ati che se era aggiudicati gli appalti . Ma com’è stato possibile affidare un appalto del genere senza i dovuti controlli antimafia?

BIANCO SPOSTA L’ANAGRAFE A SAN LEONE A VANTAGGIO DI FRONTEX

Nel 2010 il Tribunale di Catania dichiarò il fallimento della ditta in odor di mafia e nel 2011 subentrò un’altra azienda dell’Associazione Temporanea di imprese. A questo punto un altro colpo di scena: il Comune, in corso d’opera, decide delle variazioni nei lavori . Era stato deciso trasformare il tanto decantato Centro Direzionale in un plesso per i Servizi demografici. Bianco abbandona il progetto iniziale del Centro Direzionale, smonta l’anagrafe di via Castello Ursino e consegna l’intero edificio dell’ex anagrafe a FRONTEX, l’agenzia europea sorta per reprimere le migranti e i migranti nel Mediterraneo. L’edificio è stato concesso a gratis, anzi sono a spese del comune di Catania vigilanza e la manutenzione ordinaria.

 E SPUNTA ANCHE IL VATICANO

Come accennavo sopra le strade dell’ex Centro Direzionale e del Vaticano s’incrociano. Infatti, a ridosso dell’ ingresso di via La Marmora 23 c’è un   terreno, tra via Ambrosoli e la via La Marmora di proprietà del Vaticano, della Santa Sede e non della Diocesi di Catania.  Prima dell’apertura  questo terreno era abbandonato a se stesso, poi il Comune ha chiesto alla Santa Sede di  realizzare un parcheggio  con annesso e un nuovo ingresso del Centro. Ad oggi c’è solo l’ingresso centrale. A proposito di parcheggio. Attorno alla struttura sono stati realizzati degli stalli a striscia bianca, che puntualmente sono “gestiti” dai parcheggiatori ubusivi.

160 unità lavorative? Non pervenute.

Al momento dell’inaugurazione, nella pianta organica annunciata spuntava il numero 160. Il numero delle unità lavorative che sarebbero state impiegate nella struttura. Personalmente ho visto poco personale impiegato. Dov’è è stato spostato il resto del personale, ammesso che non ci sia stato solo sulla carta…dei fac-simili elettorali.

Vuoi rimanere sempre aggiornato?
Seguici su Facebook, Twitter e iscriviti al nostro canale Telegram.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome qui