Io non ci sto, il video del Gruppo Scout Agesci di Francofonte per la legalità

0
476

Il Gruppo Scout Agesci Francofonte ha realizzato il video intitolato Io non ci sto come grido ed incoraggiamento verso la legalità. A seguito dei numerosi avvenimenti di cronaca che ha interessato il paese in provincia di Siracusa, è sempre più forte l’esigenza di dire un secco e categorico no, per discostarsi dalle pagine di cronaca che fanno letteralmente rabbrividire.

Io non ci sto il video

In prima linea, i componenti del gruppo scout di Francofonte decidono di montare su un video per far sentire la loro voce, per non rassegnarsi ma per reagire a tutto ciò che c’è di negativo nel mondo e che si discosta dai principi base che ogni comunità dovrebbe perseguire.

Nel filmato, alcuni di loro spiegano il perché “ci mettono la faccia”. Ecco cosa hanno dichiarato: “Perché la fede in Gesù ci chiede ogni giorno di porre ogni giorno piccole e grandi scelte di onesta e legalità“. E ancora: “Perché a nulla serve volere se non si ha il coraggio di agire“. C’è chi dice poi: “Bisogna parlare e denunciare: insieme siamo più forti del silenzio“.

Tutto sta nel compiere piccoli passi verso un grande obiettivo. Un componente ha aggiunto: “Ogni nostro piccolo gesto è alla base di un cambiamento, ognuno di noi può fare la differenza” e un’altra: “Per prima vorrei essere il cambiamento che mi piacerebbe vedere nel nostro mondo“. Poi ancora: “Puoi cadere migliaia di volte nella vita, ma se sei realmente libero non lo farai mai in ginocchio ma sempre in piedi” e infine: “Ci metto la faccia perché amo il mio paese“.

“Io voglio fare la differenza”

Bisogna avere ben chiari quali sono i veri valori da perseguire e occorre ‘inseguirli’ fino alla fine. Così come ha scelto di fare Giovanni Falcone. Uno degli scout di Francofonte ha ricordato proprio le parole di colui che ha saputo dire no alla mafia: “L’importante non è stabilire se uno ha paura o meno, ma è convivere con la propria paura e non farsi condizionare dalla stessa“. Per il componente del gruppo: “Il coraggio è questo, altrimenti è incoscienza“. Un altro gli fa eco: “Non ci dobbiamo stancare della giustizia e della verità” e ancora: “Più che essere indifferenti, io voglio fare la differenza“.

A conclusione del video si insiste nuovamente sul punto e un membro del gruppo ha spiegato: “La giustizia e la legalità sono due pilastri della democrazia, voglio partecipare alla vita della mia città, perché voglio vederla crescere. La partecipazione è un momento fondamentale per la crescita civile e morale della comunità, senza di esse non c’è progresso e non c’è sviluppo”. E poi, ancora, ha aggiunto: “Non ci sto e ci metto la faccia perché voglio che nessuno resti indietro e venga lasciato solo, fatelo anche voi, non è difficile. Insieme possiamo farlo“.

Continua dopo la foto

io non ci sto il video

Una marcia per la legalità

Per maggiore completezza, si mostrano poi le immagini del Gruppo Scout di Francofonte e tantissimi sono i cartelloni scritti dai ragazzi per incitare tutti a fare qualcosa. Si può leggere: “Liberi di essere liberi” oppure: “No all’omertà, sì alla legalità“. Inoltre: “Io vedo, io sento, io parlo, vieni anche tu alla manifestarle” e: “Io non ci sto, perché se la mafia uccide, noi vogliamo vivere“. In particolare, mercoledì 16 ottobre ci sarà una vera e propria marcia per la legalità, con partenza ore 17.30 dal Sagrato della Chiesa Madre.

Alla fine del video, si trova un momento molto bello e significativo: tutti i componenti più piccoli del Gruppo Scout dicono: “Io non ci sto“. Questo a significare che è bene educare, fin da bambini, per saper distinguere ciò che è bene da ciò che è male. Un grido forte per dire no, che deve riecheggiare nelle vite di tutti, grandi e piccini.

Vuoi rimanere sempre aggiornato?
Seguici su Facebook, Twitter e iscriviti al nostro canale Telegram.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome qui