Belpasso. Inquinamento ambientale, Motta: «Necessario monitoraggio. Si attivi l’Arpa»

0
218

Il sindaco Daniele Motta chiede l’attivazione dell’Arpa per le attività di monitoraggio. «Fino ad ora non abbiamo riscontrato l’attenzione dell’Agenzia».

BELPASSO – “Dalle comunità di Piano Tavola e Valcorrente ci arrivano motivate proteste e condivisibili preoccupazioni in merito alla qualità dell’aria. Odori sgradevoli e persistenti fanno temere, infatti, la presenza di sostanze inquinanti e potenzialmente dannose per la salute in seguito all’emissione di fumi da parte di alcuni stabilimenti industriali. Il diritto alla salute deve essere garantito con il massimo rigore e, al contempo, si devono individuare gli impianti che rispettano la normativa e quelli che, invece, devono mettersi in regola al più presto. Fino ad ora non abbiamo riscontrato l’attenzione e la sensibilità dell’Agenzia regionale protezione ambientale (Arpa), che ha il compito del monitoraggio, benché convocata più volte – ha dichiarato il sindaco Daniele Motta, al termine di un incontro che si è tenuto nell’Aula consiliare -. Per questo motivo esprimo il mio apprezzamento al consigliere Giuseppe Rocco Santonocito, presidente della V Commissione Ecologia e tutela ambientale, per avere coinvolto anche i componenti locali della Commissione regionale “Attività produttive”, Giovanni Bulla, Angela Foti e, in particolar modo, Giuseppe Zitelli, che conosce bene il territorio e i problemi connessi alla presenza di insediamenti produttivi”.

Alla riunione della V Commissione consiliare hanno partecipato anche i consiglieri Carmelo Moschetto e Santi Borzì, l’assessore all’Ecologia e ambiente, Salvo Pappalardo, l’ing. Alfio G. Nicosia e l’ispettore Giuseppe Mansone. La deputata regionale Josè Marano ha motivato la sua assenza. Il consigliere Giuseppe Rocco Santonocito ha sottolineato che non è possibile rinviare ulteriormente l’accertamento della qualità dell’aria di Piano Tavola e Valcorrente perché è un dato necessario al fine di poter intervenire per salvaguardare la salute dei residenti. Sul coinvolgimento del’ARPA si sono impegnati i rappresentanti della deputazione regionale. La necessità di prevede, infine, una “fascia di rispetto” tra insediamenti produttivi e aree abitate è stata ritenuta utile da tutti i presenti.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome qui