Palermo. RE.SE.T : USB chiede al Sindaco Orlando il rispettato degli accordi firmati

0
323

Anche a Palermo lo stato di salute delle partecipate è sempre più grave. Sul delicato argomento, dalla Federazione USB Palermo, l’intevento di Sandro Cardinale che affronta il caso drammatico della RE.SE.T.

La Cenerentola delle partecipate comunali

La Cenerentola delle aziende partecipate del Comune di Palermo, ecco come possiamo definire la Re.se.t.
Dopo anni, i lavoratori della Re.se.t., (azienda nata dalle ceneri della ex Gesip a causa del suo fallimento), tornano a scalpitare a causa delle reali preoccupazioni per le condizioni in cui versa l’azienda“.

Continua dopo la foto

Sandro Cardinale è anche il referente per Palermo della Federazione del Sociale USB

L’ANAC boccia la RE.SE.T

È notizia di questi giorni che L’ANAC ha bocciato Re.se.t e adesso il Comune corre ai ripari.
È svilente per i lavoratori, i quali dopo tanti anni di sofferenza continuino a sentire il loro futuro tribolare.
I continui tagli esercitati agli enti locali non danno sicurezza ai lavoratori, per questi motivi la USB ritiene che sia fondamentale ritornare di nuovo e subito in piazza“.

Il sindaco Orlando e gli impegni assunti

L’ USB chiede al Sindaco Orlando che vengano rispettati gli accordi firmati, dove era previsto il ritorno alle 40 ore settimanali.
L’USB, che chiede una visione a lungo termine per i lavoratori della Re.Se.t., che ha già interpellato alcune forze politiche presenti nel consiglio comunale proponendo l’assorbimento di tutti i lavoratori della RE.SE.T. nelle altre partecipate. Inoltre, si batte per avviare un processo programmatico che porti alla creazione di un’unica Azienda partecipata comunale, in modo da mettere in sicurezza le lavorazioni e i lavoratori lavoratori e determinare un risparmio economico non indifferente per le casse dello stesso Comune di Palermo“.

Vuoi rimanere sempre aggiornato?
Seguici su Facebook, Twitter e iscriviti al nostro canale Telegram.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome qui