Barbagallo (USB Vvf.) a Micciche’: “Si connetti con la realtà!”

0
168

Non si sa cosa pensava il presidente dell’ARS Micciche’ quando ha dichiarato che le lavoratrici e i lavoratori del Corpo dei Vigili del Fuoco hanno paghe stellari. Ma lo sa il presidente dell’ Ars che j Vvf non hanno neanche la copertura INAIL? Lo sa Micciche’ in quale condizione operano i Vvf? Lo sa Micciche’ che siamo in Sicilia, dove anche delle mense dei Vvf. sono state chiuse dai NAS per carenze igieniche, ovviamente non carenze da addebitare ai Vvf.

Insomma, il presidente dell’Ars che cosa sa dei Vvf?

 

Carmelo Barbagallo (Coordinatore regionale USB Vigili del Fuoco Sicilia) a Micciche’….

“Caro presidente Micciche’,
prima di dare e dire certe affermazioni, si connetta dalla fantascienza alla realtà! I Vigili del Fuoco, anche quelli impegnati attualmente in Albania, non percepiscono più di 1.350 euro.
E con tantissimi straordinari, tassati e spalmati, possono arrivare 1.800 euro con figli e moglie a carico!!!

Continua dopo la foto


Noi siamo gli angeli della gente, ma a quanto pare, ancora una volta i politici, confermate che, siete buoni alle pacche sulle spalle, e alle promesse vane! Sicuramente, esiste una minoranza politica, seria ed onesta. Na colgo l’occasione per ricordare che lo stipendio agiato percepito da voi, cari politici, all’epoca fu creato ad hoc , proprio per essere messi nelle condizioni di fare stare bene la popolazione, cosa che attualmente è al contrario.
Noi Vigili del Fuoco, sottopagati, rischiamo la vita, e gli infortuni è meglio non averli, sono cazzi amari. Amari anche gli anticipi, anticipi dalle nostre tasche, che, qualora ci riconoscano la Causa di servizio , ci rimborsano, magari dopo essere andati all’astrico, essere morti, ecc….

Continua dopo la foto

Caro presidente dell’ARS, il suo insulto non poteva che amareggiare ancor più un’intera categoria che, ribadiscovuole meno medaglie, e più rispetto!
E soprattutto, noi lavoratrici e lavorati Vvf vogliamo il nostro Domani”.

Vuoi rimanere sempre aggiornato?
Seguici su Facebook, Twitter e iscriviti al nostro canale Telegram.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome qui