“Apocalypse Food” a Catania: sequestrati ristoranti, depositi e un minimarket

0
3555

L’operazione Apocalypse Food, svolta il 30 dicembre a Catania, ha portato al sequestro di ristoranti, depositi e un minimarket.

L’hanno chiamata “Apocalypse Food” la maxi operazione coordinata dalla Procura della Repubblica di Catania e messa a segno dal commissariato Centrale con il supporto operativo del Reparto Prevenzione Crimine, della Divisione Polizia Amministrativa, del Reparto Cinofili e della Polizia Scientifica della Questura di Catania. L’operazione,
eseguita con un decreto di perquisizione ha interessato otto locali ubicati nel centro di Catania : ristoranti, un minimarket e quattro depositi risultati abusivi, “utilizzati – riferisce la polizia – per il ricovero e lo smistamento di merci non idonee al consumo umano e in totale violazione delle più elementari regole preposte alla salvaguardia della salute pubblica”.

Con questa operazione è stato scoperto “un ingegnoso sistema finalizzato alla vendita ed alla somministrazione di alimenti scaduti, adulterati, in pessimo stato di conservazione, con etichettatura manipolata e contraffatta, privi di tracciabilità. I prodotti alimentari poi sottoposti a sequestro comprendono pasta, carne, salumi, prodotti ittici, tra cui il salmone, scatolame, farina, olio, vini, bibite e liquori”. Di conseguenza è scattato il sequestro dei locali in questione: “Osteria Panecaldo”, “Piscaria” e “Antica Salumeria, “nei quali erano state rinvenute ingenti quantità di alimenti (circa 800 kg di prodotti ittici) in cattivo stato di conservazione, ricongelato più volte e altamente nocivo per la salute, nonché altri prodotti destinati alla vendita con etichettatura abrasa e/o somministrati oltre il termine di scadenza e di dubbia provenienza”. Questi prodotti, “diverse tonnellate di prodotti avariati”, secondo la Polizia è stato impedito che ” venissero immessi sulle tavole dei consumatori o somministrate nei ristoranti “Il Cantiniere”, “Il Nerello” e “Filumena”, anche questi sottoposti a sequestro preventivo e chiusi al pubblico”. Durante l’operazione “Apocalypse Food” è stato controllato e sequestrato anche un minimarket, sito in viale della Libertà, e quattro depositi ad esso collegato.

Al momento, la Polizia ha comunicato la denuncia di cinque persone “per adulterazione, contraffazione di sostanze alimentari, commercio di sostanze alimentari contraffatte o adulterate, frode in commercio, ricettazione e violazione di sigilli, nonché per furto aggravato di energia elettrica, in quanto in tutti i locali suddetti, sia i ristoranti che i depositi, l’alimentazione degli impianti che avveniva a mezzo di allacci abusivi alla rete di distribuzione”.
L’operazione si è svolta il 30 dicembre, ma la notizia è stata diffusa nella mattinata di oggi primo dell’anno 2020.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome qui