Catania, gara rifiuti ancora deserta, Cantarella: «Vi erano 9 ditte interessate». Anastasi «Fatto gravissimo!»

0
558
rifiuti a Catania

Gara rifiuti ancora deserta a Catania. Le accuse del M5s, l’amarezza di Pogliese, le considerazioni dell’assessore Cantarella e l’analisi di Sebastiano Anastasi.

La gara deserta e l’amarezza del Sindaco Pogliese

Dopo tante speranze, riposte dai catanesi sulla nuova gara d’appalto per lo smaltimento dei rifiuti solidi urbani, si scopre che nessuna ditta ha voluto partecipare al faticato bando.
La città di Catania paga una TARI altissima, che però corrisponde a un’efficienza pari solo al 20% di raccolta differenziata.

I cittadini paganti, e perbene, agognano strade pulite e il portafoglio meno “lèggio”, all’ora di adempiere all’erogazione della tassazione sopra citata.

Amareggiato per la cattiva sorpresa, ma non totalmente scevro di energie positive il sindaco Salvo Pogliese, che afferma come una battuta d’arresto, non debba permettere in alcun modo di non voltare pagina, allinenandosi ai comuni più virtuosi.

Cantarella: «Che fine hanno fatto le 9 ditte interessate?»

Nella fila dei più amareggiati, ovvero coloro che hanno lavorato al bando in modo indefesso, l’Assessore all’ecologia Fabio Cantarella, che afferma con forza quanto il Comune abbia agito nella massima trasparenza, recependo le direttive dell’ANAC ed affidandosi al lavoro di tecnici esperti per la redazione del documento; ma la cosa che più lascia perplessi, in verità, è come nove ditte, dopo la lettura del bando, abbiano chiesto ed esperito il sopralluogo propedeutico alla partecipazione dello stesso, come affermato dall’assessore. Ora, se nove aziende si sono interessate, solo dopo aver appreso le condizioni della gara, cosa può aver spinto tutte in blocco a tirarsi indietro?

Sebastiano Anastasi: «Una bruttissima notizia per la città»

Il capogruppo di Grande Catania Sebastiano Anastasi, ha commentato l’esito della gara a FreePressOnline. «Non so cosa non ha funzionato. È una cosa gravissima. Vi sono stati ben 2 consigli straordinari sul tema N.U. e siamo stati sempre rassicurati che erano stati utilizzati tutti i parametri e dettagli tecnici tali che avrebbero sicuramente evitato che la gara sarebbe andata deserta».

Continua dopo la foto

Sebastiano Anastasi, Capogruppo Grande Catania

Anastasi continua dicendo: «Questa è una bruttissima notizia per la città e per il Consiglio Comunale. È ovvio che su questo si dovrà fare un ragionamento interno, tanto in maggioranza, tanto al Consiglio Comunale. Non è possibile accettare questo stato di cose. Io mi auguro che ci siano i mezzi per poter riparare a questa situazione».

Anastasi scarica da responsabilità dirette politiche la Giunta. Poi aggiunge: «Chiederò oggi stesso la convocazione della Conferenza dei capigruppo con l’assessore Cantarella e penso si dovrà fare immediatamente un passaggio in Consiglio comunale».

Per Graziano Bonaccorsi (M5S) gli utili erano troppo bassi

Nessuna sorpresa per consigliere comunale del M5s Graziano Bonaccorsi che su Facebook scrive: «Lo avevo anticipato in aula giorno 08/10/2019. Non sono un “indovino” e non ci voleva la sfera magica per capirlo, i numeri parlavano chiaro, era prevedibile!». L’esponente pentastellato quella sera in aula aveva infatti detto: «L’utile d’impresa è del 1,5% per qualsiasi area». «Apetibilissimo per qualsiasi azienda. Sono tutti qui sotto che ci aspettano che vogliono partecipare alla gara. Se non cambiamo il piano d’intervento il risultato non lo vedremo mai. Sono dubbioso del fatto che molte aziende parteciperanno», concluse il suo intervento in aula Bonaccorsi.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome qui