Ciclovia della Magna Grecia, Regione Siciliana: «Tabella di marcia rispettata»

0
416
Dalla Regione Siciliana smentiscono il rischio di perdere le risorse previste per il progetto “Ciclovia della Magna Grecia” paventato dal M5s.

I dubbi del M5s all’Ars

Secondo quanto detto da Stefania Campo e Jose Marano, del Movimento 5 Stelle “La pedalata comincia piuttosto male e i ciclisti forse dovranno attendere per vedere i tratti siciliani della ‘Ciclovia della Magna Grecia’: il progetto doveva essere già pronto e presentato entro gennaio 2020, ma le due amministrazioni regionali di Sicilia e Calabria a fine dicembre 2019 avevano solamente bandito la gara per la progettazione”.
Le due esponenti pentastellate continuano dicendo: «Speriamo il ritardo possa essere recuperato, altrimenti c’è il rischio di perdere le risorse previste per dare l’inizio ai lavori, come previsto, nel giugno 2022”. Secondo le grilline vi sarebbero dei ritardi nel cronoprogramma previsto per la ciclovia nazionale che interesserà Sicilia, Calabria e Basilicata e che nella nostra isola passerà per Messina, Catania, Siracusa, Pachino e Pozzallo. Per il tracciato clicca qui.
Continua dopo le foto

Dalla Regione Siciliana assicurano che i tempi sono stati rispettati. Ecco la norma

Marco Corsaro dell’Ufficio di Gabinetto dell’Assessore Marco Falcone ha spiegato a FreePressOnline che non vi è ritardo alcuno visto che il bando è stato pubblicato il 27 dicembre del 2019. Il termine ultimo per la presentazione delle offerte di progettazione è fissato al 2 marzo (che ha emanato la Regione Calabria, capofila ndr.). Si ha  tempo sino al 31 dicembre del 2020 di presentare il progetto tecnica ed economica dell’intera ciclovia turistica, così come riportato nel comma 3 dell’art. 2 della norma. Noi siamo sul pezzo. Le pratiche quando noi ci siamo insediati erano ferme all’Assessorato dei Beni Culturali. Noi come Mobilità abbiamo preso tutte le carte in mano e abbiamo messo in moto tutto il procedimento che è delineato nei tempi e modi giusti».
Continua dopo la foto
Corsaro ha poi detto: «La polemica dei M5s è speciosa a cui non rispondiamo. Posso solo dire che abbiamo attivato il tavolo permanente della mobilità, proprio per stare vicino alle esigenze delle associazioni interessate. È chiaro che noi non abbiamo la bacchetta magica ma è altrettanto chiaro che la volontà di ascoltare tutte quelle che sono le dinamiche che vengono dal basso, dalle associazioni di categoria e dalle associazioni sportive o di volontariato, noi siamo disponibili ad ascoltarle. Questa è la logica dell’Assessore Falcone, che ha una sensibilità anche su questa tematica».
Continua dopo la foto
Continuando Corsaro precisa: «Abbiamo anche seguito la gestione di finanziamenti che già sono stati erogati ed alcuni comuni stanno già eseguendo dei lavori sulla messa in sicurezza delle piste ciclabili. Abbiamo fatto due finestre a dei progetti che sono compartecipati dalla Regione Siciliana. Noi su questa tematica ci siamo».

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome qui