Il sindaco di Acireale celebra un matrimonio con le mascherine

0
838

In tempi di Coronavirus, anche la celebrazione di un atto d’amore come il matrimonio, diventa uno sfoggio da scongiurare. Soprattutto, se a finire nel mirino delle polemiche è il primo cittadino di una comunità intimorita dal Covid 19.

Stefano Alì, sindaco della città di Acireale, è stato contrariato da acesi indignati e profittatori politici, per essersi fatto fotografare insieme agli sposi in Comune e aver postato lo scatto su Facebook; con tanto di mascherine, certo, ma ben lontani dall’essere distanti un metro ed, anzi, tutti stretti nella gioia del momento.

Il sindaco, un po’ in difficoltà ma visibilmente dispiaciuto per le polemiche si giustifica così:

Il messaggio che volevo mandare era il modo in cui il Coronavirus abbia cambiato le nostre abitudini.  Nel caso specifico, un matrimonio celebrato con le mascherine in cui gli sposi, si sono pure baciati con la mascherina. La celebrazione si è svolta senza presenza di invitati. C’erano solo la coppia e i testimoni. Alla fine, scherzando, ho detto: “Andiamo al bar? Eh no, non si può nemmeno festeggiare. Ma è anche un’indicazione che in un momento così triste avvengano dei momenti felici.”

Sugli attacchi per la presenza di una persona senza guanti e per il non rispetto del metro di sicurezza, il sindaco risponde:

“celebrare un matrimonio con le mascherine è strano, perché viene difficile parlare agli sposi. Eravamo assolutamente protetti, abbiamo fatto solo la foto e poi ognuno è andato via per conto proprio”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome qui