STM e Coronavirus, la Federazione del Sociale USB chiede l’intervento del prefetto

0
580

La Federazione del Sociale USB Catania, con un comunicato, interviene senza mezzi termini nella questione legata allo stabilimento catanese della STM, dove si conta la presenza complessiva di oltre 4 mila dipendenti e dove ci sono non pochi casi di lavoratori positivi al Coronavirus.

L’organizzazione sindacale lamenta il non intervento della prefettura e dell’ASP per accettare le reali condizioni all’interno dello stabilimento, per accettare quella che viene definita “una minaccia per chi lavora e per tutta la città di Catania”. Di seguito il testo del comunicato stampa.

“LA STM È UNA MINACCIA PER CHI CI LAVORA E PER TUTTA LA CITTÀ DI CATANIA. MA IL PREFETTO NON INTERVIENE”

“Qual è il numero reale delle lavoratrici e dei lavoratori della STMicroelectronics
di Catania risultati ad oggi positivi al Coronavirus?

Qual è il numero reale delle lavoratrici e dei lavoratori che si trovano ad oggi in quarantena assieme ai loro familiari?

Qual è il reale motivo perchè il Prefetto e il Direttore dell’ ASP non decidono d’intervenire nemmeno per constatare cosa accade nello stabilimento STM dove lavorano non meno di 4 mila persone?

Qual è la reale motivazione che permette di lasciare attiva la cucina, gestita da una azienda con l’utilizzo del locale adibito a mensa e, inoltre, con l’ingresso all’interno dello stabilimento di persone esterne?

Queste domande, che attendono risposte immediate, rendono chiaro lo scenario che si apre parlando della STM di Catania, scenario dove
il management aziendale ha solamente annunciato l’ avvio della sanificazione dei locali interessati dai contagiati, ma nella continuità delle attività lavorative.

Davanti a questa situazione, a dir poco devastante, la Federazione del Sociale USB Catania, esprimendo la propria solidarietà alle lavoratrici e ai lavoratori della STM di Catania colpiti dal Coronavirus e a coloro che sono in quarantena, CHIEDE al Prefetto e al Direttore dell’ASP un intervento immediato per fermare la produzione della STM, chiudendo lo stabilimento, mettendo in sicurezza la vita di oltre 4 mila persone e permettendo la sanificazione totale, in assenza delle lavoratrici e dei lavoratori, dell’intero stabilimento.

LA SALUTE DELLE LAVORATRICI E DEI LAVORATORI DELLA STM NON SI CONCEDE ALLA CONFINDUSTRIA E Al SUOI LACCHÉ.

Federazione del Sociale USB Catania
Via Caltanissetta 3
@c.urzi@usb.it”.

 

Per aiutarlo clicca qui.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome qui