VITTORIA! Santa Maria del Gesù, aperta la porta della speranza

0
762

Dopo la segnalazione del Consigliere Sebastiano Anastasi, allertato da Freepressonline, è stata aperta la stanza dell’Archimede che sarà utilizzabile per la raccolta alimentare organizzata dai frati della Parrocchia di Piazza Santa Maria del Gesù.

Ne dà notizia il sindaco della Città Metropolitana di Catania Salvo Pogliese attraverso una comunicazione Prot. 21475 che riportiamo per intero

“Facendo seguito al sopralluogo di ieri pomeriggio ed in relazione allo stato di difficoltà determinato dalla “Emergenza Coronavirus”, si dispone che un vano con accesso anche dal Chiostro dell’antico convento della Chiesa di Santa Maria di Gesù, di proprietà di questa Città Metropolitana ed in uso dell’Istituto Archimede come biblioteca, venga destinato, momentaneamente a locale deposito per beni alimentari per famiglie indigenti.

La gestione del locale viene concessa alla Parrocchia Santa Maria di Gesù con carattere provvisorio e fino al 31 agosto 2020.

L’uso del locale comporta la sanificazione ed il rispetto dei requisiti minimi igienico-sanitari per la conservazione degli alimenti”.

Il Capogruppo di Grande Catania Sebastiano Anastasi, che su nostra segnalazione, aveva avvertito le autorità competenti attraverso il Capo di Gabinetto del Comune di Catania, Giuseppe Ferraro ha commentato: “Questo esempio in particolare dimostra  che durante l’emergenza bisogna essere sempre lucidi e rapidi, ottemperando le regole. Io allertato da Frepressonline e dai social, ho lanciato l’appello chiarendo al Capo di Gabinetto che essendo area metropolitana io non avevo competenza essendo abrogati i consigli provinciali. La comunale, difronte a mille difficoltà e con grandi limiti re problemi atavici che ha, si è attivata immediatamente.risolvendo il problema. Il fatto deve farci riflettere. Urge una riforma degli enti locali che possa snellire l’iter di ogni azione amministrativa, sempre nel rispetto della legalità”

Infine, Anastasi ringrazia il sindaco Salvo Pogliese per aver dato seguito alla sua segnalazione. Questo perché “C’è un’attenzione massima nei confronti di chiunque cerch sostegno e dialogo con ele figure istituzionali della città”, conclude Anastasi.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome qui