Legambiente Catania: «Riaprire al più presto le Isole Ecologiche»

0
1028
Ingresso isola ecologica

Legambiente Catania chiede di riaprire al più presto le isole Ecologiche, oggi chiuse privando i cittadini e tutta la città di un servizio importante per la raccolta differenziata dei rifiuti. L’assessore Fabio Cantarella precisa: “La legge al momento non lo consente”.

«Nel contesto della crisi del coronavirus – chiarisce il responsabile Energia&Rifiuti di Legambiente Catania, l’ingegnere Gianluca Proto – la gestione dei rifiuti resta un servizio essenziale e pertanto va mantenuto al massimo dell’efficienza. Lo sottolinea anche l’Unione Europea nel suo ultimo Vademecum del 14 aprile scorso, evidenziando che è ancora più importante che i cittadini separino bene i loro rifiuti e garantiscano il conferimento di materiali riciclabili verso le strutture di trattamento dei rifiuti».

Infatti, secondo il Centro Europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (ECDC) attualmente non ci sono prove per ritenere che la gestione standard dei rifiuti e le relative procedure non siano sicure o siano insufficienti in termini di rischio per l’infezione da COVID-19 o che i rifiuti domestici svolgano un ruolo nella trasmissione di SARS-CoV-2 o altri virus respiratori.
Tra l’ altro l’attività di gestione e smaltimento rientra tra quelle espressamente consentite dal Dpcm del 10 Aprile.

«Per questo motivo – aggiunge Viola Sorbello, presidente del Circolo Legambiente di Catania – chiediamo al Sindaco di Catania, Salvo Pogliese, di garantire una corretta gestione del servizio della raccolta differenziata. E nei giorni scorsi abbiamo inviato una lettera al primo cittadino e all’assessore all’Ecologia, Fabio Cantarella, con cui chiediamo la riapertura delle uniche 2 isole ecologiche di Catania. Chiediamo anche all’Amministrazione comunale di massimizzare l’informazione e la comunicazione su eventuali modifiche temporanee alle pratiche di raccolta dei rifiuti che incidono sulle modalità di consegna dei rifiuti per la raccolta e l’ulteriore trattamento. Soprattutto in considerazione del fatto che la città, ancora oggi, è incredibilmente quasi del tutto scoperta dal servizio di raccolta porta a porta. Ecco perché è più che mai necessario riaprire le Isole ecologiche di Catania: quella di Viale Tirreno (zona S. Giovanni Galermo) e quella di Via Maria Gianni (zona Picanello).

Non tarda ad arrivare la risposta da parte dell’assessore Fabio Cantarella. Su Facebook in risposta al nostro articolo scrive: «La legge al momento non lo consente. Andare all’isola ecologica non rientra tra le attività consentite e sarebbe pericolosissimo violare questa norma perché l’isola ecologica potenzialmente riceve cose da chiunque e si presta alla diffusione del virus. Siamo pronti alla riapertura quando il governo lo consentirà. Non capisco il senso di questa nota, con tutta la buona volontà».

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome qui