Catania. “Statuto dei lavoratori massacrato”, presidio- denuncia dell’USB

0
185

Si è svolto stamattina a Catania, davanti alla prefettura, il presidio indetto dall’USB in occasione del 50°anniversario della nascita dello Statuto dei lavoratori. Presenti, fra gli altri, studenti, disoccupati, pensionati, lavoratori precari, in gran parte aderenti alla Federazione Del Sociale USB Catania.
Presenti anche Mimmo Cosentino, segretario regionale di Rifondazione Comunista, e Sesto Schembri, responsabile cittadinio del PMLI.

L’intervento al megafono di Claudia Urzì, responsabile della Federazione Del Sociale USB Sicilia

“Il 20 maggio di 50 anni fa divenne legge lo Statuto dei Lavoratori, da quel giorno padronato e governi hanno iniziato una lunga e tenace offensiva per smantellare i diritti e le tutele in esso contenute a difesa delle lavoratrici e dei lavoratori.

In queste settimane l’attacco e le minacce di Confindustria e del padronato tutto hanno ritrovato nuovo vigore a difesa dei loro interessi a danno della salute, dei diritti e del salario di milioni di lavoratrici e lavoratori: dalle deroghe alle norme in materia di sicurezza e la salute, alle aperture anticipate delle attività non essenziali, dal peggioramento delle condizioni di lavoro alla repressione delle lotte e degli scioperi. Ora pretendono un nuovo patto sociale sicuri della complicità di CGIL CISL UIL, partendo da un ulteriore smantellamento dei contratti collettivi nazionali, mentre lo stesso segretario della CGIL, Landini, ha rilanciato il progetto di sostituire lo Statuto dei Lavoratori con uno Statuto dei lavori. Abbiamo già visto che ogni volta che si è parlato di estendere i diritti il risultato è stato l’abbassamento generale delle tutele per tutte e tutti.
Con il Decreto Rilancio Italia le imprese ricevono una grande quantità di risorse senza condizioni mentre i padroni chiedono il superamento dei contratti nazionali e pongono un diktat di fronte a qualsiasi ipotesi di riduzione dell’orario. Si configura così il nuovo Patto Sociale tra Cgil, Cisl e Uil, Confindustria e governo proprio quando sarebbe necessario rimettere in discussione un sistema economico e sociale rivelatosi incapace di salvaguardare non solo le condizioni di lavoro ma finanche la vita stessa delle persone. Un Patto Sociale che ha già messo in conto di sottomettersi alle condizioni dell’ UE e di compiacere a tutte le condizioni che le imprese reclamano per “rilanciare il Paese”.
Lo Statuto dei Lavoratori per anni ha rappresentato un baluardo contro lo strapotere dei padroni, figlio delle grandi lotte operaie degli anni Sessanta, in buona parte oggi svuotato con la complicità dei soliti sindacati: dall’abolizione dell’articolo18 al demansionamento, dalla riduzione dei diritti sindacali all’abolizione del collocamento pubblico. Ora si tratta di riconquistare quanto perso e di aggiungere nuove tutele contro il cinismo e lo strapotere padronale.
Contro il nuovo patto sociale per la salute e sicurezza e salario reddito
garantiti per tutte e tutti, riduzione dell’orario a parità di salario, nazionalizzazione e welfare universale (…)”.

Documento al prefetto

Dopo il suo intervento, la sindacalista dell’USB ha raggiunto la prefettura per consegnare al prefetto di un documento della Federazione Del Sociale USB, già inviato al governo nazionale, dove si chiede il rispetto e la tutela del diritto al ritorno nelle proprie terre degli studenti fuori sede e dei lavoratori precari rimasti bloccati dai decreti sull’emergenza Covid-19.

L’intervento di Gianluca Marletta, del Coordinamento Giovani Studenti Lavoratori Precari Siciliani

Ha chiuso la manifestazione l’intervento del giovane Gianluca Marletta, del Coordinamento Giovani Studenti e Precari Siciliani e fra i referenti dello Sportello Casa USB Catania:
“Il Coordinamento ha aderito a questa giornata di lotta indetta dall’USB in occasione dei 50 anni compiuti oggi dalla Statuto dei lavoratori (…) Colgo l’occasione per denunciare che le studentesse e gli studenti siciliani che studiano fuori dall’Isola, in questo periodo di Emergenza sanitaria, sono stati costretti dai decreti di Conte e di Musumeci a ritardare il loro rientro a casa e che ancora non tutte e tutti sono rientrati in Sicilia a causa dei costi dei biglietti aerei.
Il coordinamento chiede per gli studenti e i lavoratori emigrati il blocco degli affitti e delle utenze. Insomma, non siamo tutte e tutti sulla stessa barca!”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome qui