Oggi sciopero dei braccianti, blitz USB da Katane :”Non compriamo frutta e verdura”

0
189

A sostegno dello sciopero dei braccianti indetto oggi dall’Unione Sindacale di Base, sindacalisti dell’USB hanno dato vita a un blitz, esponendo cartelloni all’ingresso centrale pedonale dell’ipermercato Katane-IperCoop di Gravina di Catania.

Lo sciopero dei braccianti è contro le politiche a sfavore del bracciantato agricolo a cui, sostengono i manifestanti, hanno tolto dignità ai lavoratori, degradandoli a braccia strumento del profitto e puro e inumano sfruttamento asservito alla produzione di cibo secondo le le regole imposte della distribuzione globalizzata. Il mercato della filiera agroalimentare chiede braccia per la raccolta dei frutti della terra e la ministra Bellanova risponde svendendogli uno stock di schiavi extracomunitari”.

Carlo Genovese, in una nota scrive. “Cartelloni dove si invitava il pubblico a non acquistare frutta e verdura. L’immediato intervento dei vigilantes, che chiedevano l’autorizzazione rilasciata da parte della direzione del centro commerciale per l’esposizione dei cartelli e per fare le foto, non è riuscito ad impedire ai manifestanti l’esposizione dei cartelloni e di fare foto.”

Cartelloni che sono stati esposti dai sindacalisti anche in altre aree dell’ipermercato.
A chi chiedeva informazioni sulla protesta, così i sindacalisti dell’USB:
“Dal momento che frutta e verdura vengono giudicati più importanti degli esseri umani, di coloro che si spaccano la schiena ogni giorno per pochi spiccioli, con orari massacranti, senza diritti, né dignità. Dal momento che questi esseri umani fanno comodo quando c’è da raccogliere pomodori e zucchine per la Grande Distribuzione Organizzata destinate alle tavole (non soltanto italiane), chiediamo a tutte e a tutti, oggi, in occasione dello sciopero dei braccianti indetto dall’USB, di non comprare frutta e verdura nei supermercati”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome qui