Catania: studenti in piazza contro la didattica a distanza e i decreti della ministra Azzolina

0
451

La scuola italiana si avvia verso la maturità, ma in una condizione drammatica: uno studente su due non ha potuto avere accesso alle videolezioni, il Governo ha lasciato le scuole pubbliche a sé stesse e ora il ministro dell’Istruzione, Lucia Azzolina, ha deciso che gli studenti reputati “carenti” potranno persino essere bocciati.

Gli studenti questa mattina sono scesi in presidio sotto il Provveditorato agli Studi di Catania, e in altre 40 città in tutto il Paese, per rivendicare un’inversione di rotta per l’istruzione pubblica. L’assenza di misure concrete per la didattica a distanza ha lasciato indietro i figli di lavoratori. Se le lezioni online sono un flop nessuno dev’essere bocciato, serve un piano straordinario per garantire la riapertura delle scuole pubbliche in sicurezza, una maggiore assunzione di docenti e fondi per l’edilizia scolastica.

Continua dopo la foto

Il Governo, intanto, ha stanziato 150 milioni di euro a favore delle scuole private che devono essere immediatamente stornati a favore delle scuole pubbliche. I promotori della mobilitazione sono stati il Fronte della Gioventù Comunista e diversi Presidenti delle Consulte Provinciali degli studenti che hanno raccolto e rilanciato le rivendicazioni del mondo della scuola. Hanno aderito alle manifestazioni anche studenti universitari in mobilitazione per il rimborso delle quote degli studentati e delle tasse universitarie. In piazza sono state mantenute le distanze di sicurezza di almeno un metro tra i partecipanti.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome qui