Buoni spesa Comune Catania, Adorno contro tutti

0
385

È guerra aperta tra il presidente del Consiglio comunale Giuseppe Castiglione e la consigliera del M5s Lidia Adorno. L’oggetto del contendere un odg dei pentastellati, sul controllo dei buoni spesa, non approvato ed un successivo post su Facebook dell’esponente grillina.

Un botta e risposta tra la consigliera comunale Lidia Adorno (M5s) e il presidente del Consiglio comunale di Catania Giuseppe Castiglione (Grande Catania), a suon di comunicati e post su Facebook non cenna a placarsi. Oggi il Gruppo consiliare M5s Catania esprime solidarietà alla collega con un comunicato, che per toni e brevità sembra tanto di facciata poiché non fa riferimento esplicito al post su Facebook dell’esponente grllina. «Riteniamo che il diritto alla critica debba essere tutelato e garantito. I consiglieri del M5s si impegnano costantemente per informare i cittadini sull’operato della pubblica amministrazione, che deve essere sempre trasparente». Si legge nel comunicato.

Ricordiamo che il Consiglio comunale non approva un Odg presentato dalla consigliera del Movimento 5 Stelle Lidia Adorno e sottoscritto dall’intero gruppo, con il quale si impegnava il sindaco di Catania Salvo Pogliese a trasmettere l’elenco dei fruitori dei buoni spesa, stanziati a seguito dell’emergenza Covid per l’acquisto di beni di prima necessità, affinché si potessero effettuare le opportune verifiche e controlli.

Un elenco, anche se non nominale, dei fruitori dei buoni spesa è comunque consultabile online al seguente link: https://www.comune.catania.it/informazioni/avvisi/avvisi-2020/default.aspx?news=75259.

Successivamente, a commento del voto negativo in Aula, Adorno in un post sul suo profilo Facebook sintetizza i fatti e si chiede “come mai l’istituzione consiglio comunale non ha approvato un atto a favore della legalità e della trasparenza? C’è qualcosa che si è temuto e che si è cercato di nascondere?”

Poi Adorno conclude scrivendo: «Noi (gruppo consiliare M5s ndr.) crediamo che la politica debba essere esempio per i cittadini e siano rimasti esterrefatti che addirittura si sia espressa per mettere il bastone tra le ruote alle forze dell’ordine». Parole dure, probabilmente sono andate oltre il limite del dibattito politico, hanno portato ad una replica da parte del presidente del Consiglio comunale.

Questa non tarda ad arrivare. Giuseppe Castiglione (Gruppo Grande Catania ndr.), infatti, chiede verifica ai legali del Comune su post Fb consigliera Adorno. In particolare invia una lettera formale all’avvocatura comunale in cui chiede di “valutare l’eventuale esistenza di un’infrazione relativa alla reputazione dei singoli Consiglieri, sia personale che relativamente all’esercizio dell’attività istituzionale, da parte della Consigliera Erminia Lidia Adorno, del Gruppo Consiliare Movimento 5 Stelle.

Nella lettera alla Direzione Affari Legali, Castiglione evidenzia come la consigliera abbia “esternato pesanti accuse nei confronti dell’operato del Consiglio Comunale, che nella seduta del 10 Giugno u.s. ha espresso il voto non favorevole sull’O.D.G. presentato dalla stessa, avente ad oggetto “Buoni spesa in relazione all’ordinanza del Presidente del Consiglio dei Ministri n. 658 del 29/3/2020 per Capo Dipartimento Protezione Civile e alla deliberazione n. 124 del 28/3/2020 della Regione Siciliana”.

Per queste ragioni il presidente del civico consesso ha chiesto agli avvocati comunali “una verifica urgente per la potenziale violazione delle prerogative dell’Organo Consiliare”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome qui