ATA internalizzati: l’1 luglio manifestazione in piazza Montecitorio per ottenere il full-time

0
382

Sono in discussione in questi giorni gli emendamenti al decreto Rilancio Italia che riguardano anche il personale ATA internalizzato con contratto part-time e che potrebbero ottenere contratti full-time, seppur temporaneamente.

In occasione della presentazione degli emendamenti, l’USB, domani 1 luglio, sarà in piazza Montecitorio per fare sentire la voce dei lavoratori ATA internalizzati, per chiedere che gli emendamenti vengano approvati, utilizzando quindi il prossimo anno per trovare soluzioni definitive.
Sullo spinoso argomento ho sentito una lavoratrice e due lavoratori ATA parte time.

“Noi vogliamo solo ciò che ci spetta di diritto come vincitori di concorso”, di Catena Marinaro

“Voglio gridare con forza per fare ascoltare a chi ancora oggi abbia orecchie per ascoltare, ascoltare donne operaie, che per venti anni ci siamo rotte le schiene a pulire le scuole e che purtroppo abbiamo fatto parte di un gioco che la politica ha messo in atto, assieme ai compari della triade CGIL CISL UIL , e mi riferisco all’esternalizzazione degli appalti di pulizia che, come dicevo per venti anni ha foraggiato, con appalti milionari, le grosse coop.
Questa benedetta assunzione ATA tanto desiderata, tanto combattuta, tanto sospirata, è arrivata dal primo marzo di quest’anno, dopo 20 anni, ma con molte colleghe che continuano a fare le schiave anche come dipendenti del MIUR.
Ed ecco perchè l’ 1 luglio ci ritroviamo ancora una volta a dover urlare il nostro malcontento e disgusto per ciò che ci tocca subire sia a livello economico e, cosa peggiore, a livello morale.
Noi vogliamo solo ciò che ci spetta di diritto come vincitori di concorso: un FULL TIME NEL PIENO DEI NOSTRI DIRITTI”.

Gaetano Sciabica

“Siamo stati sfruttati per 20 anni “, di Gaetano Sciabica

Siamo nati da un inciucio nel 2001 tra delle forze politiche che c’erano e i sindacati maggiormente rappresentativi – CGIL CISL, UIL e SNALS – ovvero da coloro che ci avrebbero dovuto tutelare.
Siamo stati sfruttati per 20 anni con il benestare di tutte le forze politiche, escluso il PCI.
Poi c’è stato un vero sindacato RDB, oggi USB, che davanti a tutta quella vergogna di magna magna disse “BASTA” , e da lì iniziammo a lottare con questo sindacato .
Con l’entrata del Movimento 5 Stelle in parlamento, e grazie anche a dei politici onesti come Luigi Gallo, incominciò il nostro cammino verso l’internalizzazione.
Tanti sono stati i tentativi di sabotare tutto ciò, ma alla fine ci siamo riusciti.
Il sindacato USB ha vinto contro Golia.
Ma questa vittoria purtroppo per svariati motivi non è stata al 100% , perché molti siamo rimasti a 18 ore.
Chiediamo al governo – e mi rammarica che come organizzazione sindacale siamo i soli – il full-time per tutti”.

 

A sinistra Catena Marinaro, al centro Marco Amato

“5000 dei 13000 lavoratori stabilizzati che hanno dovuto accettare un contratto partime “, di Marco Amato

“Una storia infinita quella dei Lavoratori Socialmente Utili e Appalti Storici. Il primo marzo 2020 una svolta epocale per gli ex LSU e Storici, si realizza finalmente il passaggio dalle cooperative di pulizia alle dipendenze dello stato. Internalizzazione raggiunta dopo un ventennio di lotte fatte dai lavoratori iscritti a USB contro coop, politica e sindacati confederali, che per ovvi motivi non avrebbero mai voluto tale soluzione. Ma un bando di concorso stilato molto in fretta e che non ha avuto il sostegno di tutte le forze politiche e sindacali ha prodotto delle conseguenze poco piacevoli per 5000 dei 13000 lavoratori stabilizzati che hanno dovuto accettare un contratto partime con uno stipendio di 600 euro non permettendo loro di poter vivere dignitosamente. Un reddito mensile che va al di sotto del reddito di cittadinanza. Per questo motivo il primo luglio 2020 USB terrà un presidio a Roma presso Montecitorio per chiedere equità di diritti tra tutti i lavoratori.
Chiediamo fortemente che la politica prenda atto di questa situazione è che al più presto dia soluzioni adeguate”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome qui