San Nullo, i cassonetti dei rifiuti sono maleodoranti

0
1233
Cassonetti rifiuti via San Giacomo Catania. Foto: Salvo Giuffrida

La segnalazione arriva dai consiglieri del IV Municipio Andrea Spina e Salvatore Scrofani, che chiedono un intervento urgente di pulizia e disinfezione. Sebastiano Anastasi: “Bisogna passare alla raccolta porta a porta”.

Sembra non finiscano mai i problemi per la Dusty, entrata oramai in attrito con l’assessore Fabio Cantarella e l’Amministrazione comunale. La “guerra di Ferragosto” tra l’azienda con a capo la Rossella Pezzino De Geronimo e il Comune per una serie di disservizi legati al mancato spazzamento di vie del centro e a dei ritardi nella raccolta porta a porta vede in questi giorni un importante proseguimento. Il Comune è pronto a contestare 263.450 euro per una serie di disservizi in 23 strade. Ricordiamo la giustificazione della Dusty che sottolineò che per problemi legati alle norme anti Covid una squadra di raccolta non era disponibile, da qui la causa dei disservizi contestati.

Spina e Scrofani: “Lavare i cassonetti”

Come se non bastasse arriva una segnalazione da parte dei consiglieri del IV Municipio Andrea Spina e Salvatore Scrofani: i cassonetti presenti a San Nullo puzzano. Gli stessi chiedono interventi urgenti per la pulizia e disinfezione dei contenitori dei rifiuti presenti nel territorio. I consiglieri lamentano anche il conferimento dei rifiuti da parte dei vicini residenti di Misterbianco.

Continua dopo la foto

A sinistra Salvatore Scrofani a destra Andrea Spina

 

Anastasi: “Togliere i pochi cassonetti rimasti e passare al porta a porta”

Sebastiano Anastasi, capogruppo di Grande Catania, sottolinea: “Durante il lockdown le strade e i cassonetti erano puliti. Il problema dei pendolari del rifiuto è sotto gli occhi di tutti, ma non capisco quali cassonetti si debbano pulire visto che a San Nullo molti sono stati tolti, come quelli di via Ota. La strada da seguire è quella di passare alla raccolta differenziata porta a porta. In zona vi sono parecchi condomini quindi è facile parlare con gli amministratori e organizzarla, così da togliere tutti i cassonetti e quindi eliminare il fenomeno del pendolarismo dei rifiuti, che colpisce già di mattina vie di passaggio come viale Tirreno”.

Continua dopo la foto

Sebastiano Anastasi, capogruppo grande Catania

L’assessore Cantarella, da sempre contrario alla presenza dei cassonetti in strada, va dritto per la sua strada e attende che la Srr presenti il bando per la raccolta differenziata e per lo spazzamento. Nel frattempo pretende un buon servizio e scuse dalla Dusty il cui contratto in proroga scade il 14 dicembre.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome qui