Lavatoio Cibali abbandonato. Anastasi (Grande Catania): “Ripulire e organizzare eventi”

0
281
Lavatoio Cibali

Il Lavatoio di Cibali torna ad essere abbandonato a se stesso. Il Consigliere comunale Sebastiano Ananstasi, capogruppo di Grande Catania, ha un’ idea per valorizzare quello che rappresenta un pezzo della storia di Catania.

Il Lavatoio di Cibali, riconsegnato in pompa magna lo scorso dicembre torna ad essere nuovamente in uno stato pietoso. Resti di cibo bottigliette di plastica e cartacce sono sparse ovunque; uno spesso strato di alghe si è invece formato sul letto di acqua. Un catenaccio chiude l’ingresso della struttura e a pochi metri dall’ingresso vi è il cartello, a stento visibile, che indica la struttura. Un vero peccato dimenticare un gioiello che potrebbe essere ben sfruttato a livello turistico.

Il consigliere comunale capogruppo di Grande Catania, Sebastiano Anastasi, alla vista di questo spettacolo indecoroso, stamani ha presentato una nota all’Amministrazione per un intervento in tempi brevi.

Lo stesso Anastasi a freepressonline ricorda brevemente la storia del Lavatoio di Cibali. “L’eruzione del 1669 distrugge Misterbianco. Gli abitanti fuggono e si stabiliscono a Cibali che allora aveva colline verdeggianti e soprattutto acqua. La leggenda dice scherzosamente che la prima profuga fu la Madonna delle Grazie perché era venerata a Misterbianco. Per questo la Chiesa si chiama Madonna delle Grazie. La piazza si chiama Bonadies perché il Vescovo Catanese Michelangelo Bonadies, durante questa emergenza donò “La Tribuna delle Acque” al Senato cittadino. Un sistema di canali romani porta l’acqua in varie parti della città. Una parte di queste strutture è visibile vicino la piazza. Una parte di questo sistema di canali affiora dove c’é il lavatoio”.

“Dopo anni di abbandono – continua Anastasi – i presidenti del 3° e 4° Municipio lo hanno pulito e riconsegnato alla comunità. Lì vi è stata anche una mostra di presepi coinvolgendo la Parrocchie e la scuola”.

Continua dopo la foto

Sebastiano Anastasi, consigliere comunale capogruppo Grande Catania

Il Lavatoio è nuovamente caduto nel dimenticatoio ed oggi si trova in condizioni pietose. Ed è un peccato vista la vocazione turistica di Catania non sfruttarlo al meglio. Tanto che Anastasi continua: “Un turista che passa da lì nemmeno si accorge che c’è un pezzo della storia catanese”. Bisogna dapprima riqualificarlo, poi mantenerlo in modo decoroso organizzando eventi e qualche piccola mostra di vario tipo ed inserirlo. Stamattina ho depositato una nota con la quale chiedo all’Amministrazione d’intervenire rapidamente e invito i presidenti del 3° e 4° Municipio a sedersi con me per programmare una serie di attività a costo zero”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome qui