Caos commissioni consiliari, emergono delle anomale assenze di dipendenti

0
203

Si arricchisce di nuovi elementi il quadro del caos che regna nelle Commissioni consiliari e in particolare alla Terza, bloccata per assenza di verbalizzanti.

Un altro tassello si aggiunge al quadro inquietante del blocco della Terza Commissione, ferma dal 15 settembre a causa di una mancanza di segretari verbalizzanti. La nuova tessera del mosaico è rappresentata da due comunicazioni: la prima del presidente Bartolomeo Curia, la seconda una risposta del Segretario Generale Rossana Manno.

Il fatto è grave poiché fermandosi le Commissioni consiliari le delibere non possono arrivare in Aula nel modo corretto. Ciò porterebbe al blocco dei lavori del Consiglio comunale, alias lo stop alla democrazia nella città di Catania.

A cercare di evitare che ciò succeda e per lavorare nel migliore dei modi, così come previsto per Statuto, il Presidente della Terza Commissione Bartolo Curia, ha più volte sollevato il problema. Fino ad oggi è però rimasto inascoltato.

In una comunicazione, del 20 agosto 2020, Curia fa una cronistoria di tutto quanto accaduto nel corso dei due anni della sua presidenza. In particolare evidenzia che il dipendente  comunale M.C. non si è mai presentato, nonostante fosse stato assegnato alla Terza Commissione il 14 settembre del 2018. Il 27 lo stesso M.C. chiede la revoca del mandato poiché: “Impossibilitato”.  Il 15/09/2018, Curia ha la disponibilità di G.P.. In risposta vengono assegnati alla Terza commissione R.M.G. e C.G. Entrambi non si presentano.

Sempre il 27 settembre del C.G. (assegnato qualche giorno prima alla Terza), viene riassegnato alla Sesta Commissione. Al suo posto, viene mandata M.D., che preannuncia telefonicamente al presidente Curia che non si sarebbe presentata. Questo valzer non finisce qui. Il 15 ottobre del 2018 vengono assegnati alla Terza altri due dipendenti: F.P, che chiede subito revoca per motivi di salute, e F.M.D, che non si è mai presentata.

Una buona notizia arriva in data 8/01/2019, quando viene assegnato alla terza C.V., precedentemente segnalato all’Amministrazione. Il dipendente collabora, ad oggi, collabora regolarmente con la Terza commissione. La buona notizia resta però isolata.

Il 15 ottobre E.C. viene assegnata alla Terza che durante l’emergenza Covid collabora con la modalità “Lavoro agile”. Come segretaria verbalizzante la suddetta R.M.G.. Quest’ultima va in ferie, ma nessuno comunica ciò alla Terza Commissione, che si ritrova senza segretario verbalizzante in cinque sedute, quelle dal 29 giugno al 14 luglio. Finita l’emergenza Covid, E.C. chiede il rientro al servizio precedente per motivi di salute.

“Inutili assegnazioni e disagi”, sottolinea Curia, che viene “rimproverato” dirigente D’Emilio per non essersi attenuto e aderito alle disposizioni da lui impartite al personale da lui assegnato”. Curia a questo punto chiede di essere informato sui criteri utilizzati sul trasferimento del personale da parte del Direttore. Domanda comprensibile visto che 4 dipendenti sono stati trasferiti a degli incarichi senza problemi.

In risposta il Segretario Generale del Comune di Catania Rossana Manno, con lettera Prot.270329, evidenzia la sua “Mancata competenza […] nella funzione di coordinamento dei dirigenti”, però invita il Direttore degli Affari Istituzionali e Presidenza del Consiglio “ad intraprendere le iniziative necessarie per la risoluzione, in modo definitivo, del problema” di carenza di personale alla Terza Commissione.

Ora non resta che aspettare una nuova assegnazione, sperando che sia quella definitiva.

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome qui