“In Sicilia è allarme Covid e Pogliese cosa fa? Dispensa baci e abbracci allo stadio”, affermano alcuni consiglieri

0
2702

“In piena pandemia, mentre i cittadini responsabili rimangono a casa e i commercianti soffrono per le restrizioni, il primo cittadino cosa fa? Segue la partita del Catania, a “porte chiuse”, incurante delle misure di sicurezza che tutti – autorità comprese – dovrebbero rispettare e, come se nulla fosse, dispensa baci e abbracci.”

A scriverlo in una nota congiunta parecchi consiglieri comunali.

La nota continua invitando la società Calcio Catania a fare rispettare le regole di accesso allo stadio.

“Al di là delle norme, il dato è chiaro: in questo momento storico il sindaco non è in grado di dare il buon esempio. Una situazione vergognosa che tutti i cittadini devono conoscere”.

“Ricordiamo a Salvo Pogliese che non è sindaco del Calcio Catania ma della città di Catania. E il calcio non può essere posto sopra ogni cosa, senza limiti o restrizioni, ancor di più da chi ha ruoli istituzionali. Ringraziamo il presidente e la società per il lavoro svolto, amiamo anche noi la squadra della nostra città, ma tutti dobbiamo rispettare le regole”.

Gruppo consiliare del MoVimento 5 Stelle: Lidia Adorno, Graziano Bonaccorsi, Valeria Diana, Giuseppe Fichera, Emanuele Nasca; Giuseppe Gelsomino, Francesca Ricotta, Mario Tomasello (IV), Enzo Bianco, Lanfranco Zappalà (Con Bianco per Catania), Giovanni Grasso (Gruppo misto).

Ad intervenire anche Pietro Ivan Maravigna, che a freepressonline ha invitato il Questore di Catania  a valutare se ci siano le condizioni per l’applicazione del Daspo a Pogliese.

Con una nota il consigliere Salvo di Salvo (Grande Catania) chiarisce che in riferimento al comunicato stampa riferito alla presenza del Sindaco Pogliese allo stadio a firma di diversi Consiglieri tra i quali incluso anche il mio nome sento il dovere di dover dichiarare che la mia firma al comunicato è stata gravemente inserita senza la mia condivisione probabilmente per errore, pertanto mi dissocio dal testo del comunicato e spero che quando accaduto non si ripeta più”.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome qui