Il consigliere Giovanni Grasso dice no alla privatizzazione dei musei

0
412
DSC_0315.JPG DSC_0315.NEF DSC_0316.JPG DSC_0316.NEF DSC_0317.JPG DSC_0317.NEF DSC_0318.JPG DSC_0318.NEF DSC_0319.JPG DSC_0319.NEF DSC_0320.JPG DSC_0320.NEF DSC_0321.JPG DSC_0321.NEF DSC_0322.JPG DSC_0322.NEF DSC_0323.JPG DSC_0323.NEF DSC_0324.JPG DSC_0324.NEF DSC_0325.JPG DSC_0325.NEF DSC_0326.JPG DSC_0326.NEF DSC_0327.JPG DSC_0327.NEF DSC_0328.JPG DSC_0328.NEF DSC_0329.JPG DSC_0329.NEF DSC_0330.JPG DSC_0330.NEF DSC_0331.JPG DSC_0331.NEF DSC_0332.JPG DSC_0332.NEF DSC_0333.JPG DSC_0333.NEF DSC_0334.JPG DSC_0334.NEF DSC_0335.JPG DSC_0335.NEF DSC_0336.JPG DSC_0336.NEF DSC_0337.JPG DSC_0337.NEF DSC_0338.JPG DSC_0338.NEF DSC_0339.JPG DSC_0339.NEF DSC_0340.JPG DSC_0340.NEF DSC_0341.JPG DSC_0341.NEF DSC_0342.JPG DSC_0342.NEF DSC_0343.JPG DSC_0343.NEF
Il consigliere del gruppo misto al Consiglio comunale di Catania, Giovanni Grasso, ha pronta una mozione con la quale chiede all’Amministrazione Pogliese di recedere dall’intenzione di affidare ai privati la gestione dei servizi museali.
Nella sua mozione il consigliere Giovanni Grasso spiega i motivi per cui la privatizzazione dei servizi museali sarebbe dannosa per la collettività. In sintesi Grasso è convito che  Pogliese reiteri nell’opera di “destrutturazione economico finanziaria e svendita del nostro patrimonio pubblico. L’incremento di qualsiasi settore produttivo a favore della collettività, compreso il turismo, dipende dalla classe politica e dagli interventi che essa è capace di generare a favore del suo territorio, al fine di creare lavoro e nuove ricchezze da reinvestire. Io non ho visto nessun progetto e non ho trovato ad esempio nessun pacchetto turistico da lanciare a livello internazionale”.
La privatizzazione della gestione dei musei secondo Grasso demotiverebbe il già mortificato ma competente personale, già impiegato, altamente qualificato. Vi sarebbe, inoltre, un aumento dei prezzi al pubblico. Vi è anche, secondo Grasso, il pericolo che “scaturirà dalla Carta di Catania che prevede di affidare a privati opere d’arte che questa amministrazione non è capace di valorizzare nonostante i nostri musei siano vacanti e da anni in attesa di una loro collocazione come il Museo Greco”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome qui