Il Catania perde col Palermo, niente regalo di compleanno a Pogliese

0
247
Foto: Salvo Giuffrida

Niente regalo di compleanno per il sindaco di Catania Salvo Pogliese che ha visto il suo Catania perdere, in malo modo, il derby contro il Palermo.

Dopo le soddisfazioni di ieri sera in Aula consiliare, dove l’importante delibera sulla concessione dei servizi aggiunti e di biglietteria dei musei catanesi viene approvata, al Massimino doccia gelata per il sindaco di Catania Salvo Pogliese che non ha potuto festeggiare a pieno il suo 49° compleanno.

Il Catania, nella partita più importante dell’anno è brutto da morire. Dopo l’umiliazione di Terni, il pari (miracoloso) con il Bari e la partita da valeriana di Vibo, l’elefante crolla al Massimino contro il Palermo, che nelle scorse partite ha deluso i suoi tifosi. I rosanero s’impongono nonostante l’inferiorità numerica. Raffaele è disastroso non solo per non aver preparato al meglio la partita dell’anno, ma anche per non aver capito nulla di quello che stava accadendo in campo. Muto per 90′ davanti la sua panchina guarda atterrito i suoi affondare. Mai una scossa, mai un sussulto. Ed ecco che si ripiomba al 2 febbraio 2007, quando il Palermo vinse l’ultima volta alle pendici dell’Etna.

Il Palermo è in giornata e parte bene, ma resta in 10. Il Catania schierato incomprensibilmente con il solo Sarao in avanti, resta tale: incomprensibile. Durante la prima frazione di gioco il rosanero meritavano il vantaggio. La traversa nega il gol.

Il secondo tempo inizia con il palo di Russotto, poi per il Catania è buio pesto. Con il passare dei minuti la situazione precipita fino al 60° quando Santana trova un grandissimo gol, mentre il centrocampo etneo si smarrisce nel prato del Massimino. Esce Golfo, entra Di Piazza, poi anche Manneh.

Nel frattempo la torta per il sindaco Pogliese è pronta, si accendono le candeline. Poi si aprono i regali, ma quello del Catania non c’é. Anzi i rossazzurri servono l’amaro.

Auguri signor sindaco, buon compleanno!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome qui