Comitato Cittadino Vulcania: “In via Ingegnere ci hanno lasciato al buio”

0
391

Un’ampia area di via Ingegnere, nei pressi di Vulcania, lasciata al buio. Il Comitato Cittadino Vulcania: “Il palo della luce rimosso non è stato più ripristinato”.

Una delegazione del Comitato Cittadino Vulcania, a seguito delle tante segnalazioni da parte dei residenti e commercianti del quartiere Borgo-Sanzio, ha effettuato un sopralluogo in Via Ingegnere, riscontrando che una ampia area della Via è stata lasciata totalmente al buio. Le testimonianze dei residenti : “in Via Ingegnere -spiega un residente – venne rimosso un palo della pubblica illuminazione per eseguire lavori sul marciapiede da parte del Comune. Quelle opere sono terminate da tempo, ma il palo della luce non è stato più riposizionato e lo spazio riservato alla pubblica illuminazione ricoperto con cemento in modo da cancellare del tutto la situazione precedente.”

I cittadini non accettano questo nuovo metodo del Comune che pensa di garantirsi un risparmio energetico e quindi una bolletta meno salata, perché meno punti luce ci sono e meno energia elettrica si consuma. Alla faccia del servizio pubblico, della salvaguardia della incolumità dei cittadini e della sicurezza pubblica, perché spesso un lampione salva qualche caviglia e scoraggia qualche ladruncolo.

La presidente del Comitato, Angela Cerri, chiede come mai siano passati sette mesi da quando l’Amministrazione comunale ha rimosso il lampione della luce, a seguito del rifacimento del manto stradale, a causa degli scavi fatti per dei lavori e da allora non si sono preoccupati di rimpiazzarlo, e hanno tappato il buco lasciato dal lampione rimosso. Ciò oltre a recare disagio risulta pericoloso in quanto si rischia di essere investiti, di inciampare e rischioso per la pubblica sicurezza. Per ultimo, ma non per importanza, di notte si registrano più atti di vandalismo.

Non c’è più sicurezza e si teme per l’incolumità dei residenti e dei commercianti della zona. Spero che al più presto si possa trovare una soluzione, senza dover continuare a “brancolare nel buio” in una zona dimenticata dal Comune, da chi deve provvedere e invece non lo fa. Ci auguriamo che l’Amministrazione, dopo le numerose segnalazioni, al più presto possa prendere seri interventi e provvedimenti.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome qui