Emergenza rifiuti: l’appello dei sindaci, le risposte entro oggi

0
169
Foto di: Davide Anastasi

I comuni si sono uniti per mandare, con voce univoca, un appello all’Assessore regionale all’Energia ed ai Servizi di Pubblica utilità, Daniela Baglieri.

Rivedere regole per il conferimento dell’indifferenziata è il principio fondamentale su cui si basa la nota dei sindaci. Eccola di seguito: << Illustre Assessore, mentre scriviamo questo appello i nostri autocompattatori ritornano pieni dalla discarica e siamo preoccupati perché non si intravede una soluzione all’annoso problema impianti. Sappiamo che la capacità di ricezione di indifferenziato è davvero ridotta ai minimi termini, ma chiediamo a Lei una coraggiosa inversione di rotta. Nell’ambito della SRR alcuni Comuni hanno profuso ogni energia per ridurre la quota di indifferenziato da conferire in discarica, con notevole aumento della percentuale di differenziata andando ben oltre il 65% di legge con picchi del 90%. Alcuni Comuni poi, con una decisione impopolare, hanno deciso addirittura di ritirare l’indifferenziato ogni 14 giorni allo scopo di aumentare ancora la differenziata raccolta. Pertanto chiediamo che la quota di indifferenziata che va in discarica venga determinata tenendo in considerazione il numero di abitanti, la capacità della discarica e indirettamente quindi la percentuale di differenziata, in modo che i Comuni virtuosi non vengano penalizzati e si eviti la folle corsa notturna dei camion per arrivare alla discarica prima della chiusura >>.

In rigoroso ordine alfabetico: Vito Di Mauro (Aci Bonaccorsi), Daniele Motta (Belpasso), Filippo Privitera (Camporotondo Etneo), Massimiliano Giammusso (Gravina di Catania), Enzo Magra (Mascalucia), Alfio Cosentino (Milo), Enzo Santonocito (San Pietro Clarenza), Marco Rubino (Sant’Agata li Battiati), Pippo Nicotra (Sant’Alfio), Santi Rando (Tremestieri Etneo), Francesco Leonardi (Viagrande).

L’emergenza è nata a seguito dell’accentuata la criticità dello smaltimento dei sovvalli decadenti dal trattamento dei rifiuti presso l’impianto gestito dalla Società Sicula Trasporti spa. Tale circostanza coinvolge la quasi totalità dei comuni ricadenti nelle Province di Messina, catania e Siracusa e la SRR relative. L’Assessore regionale Daniela Baglieri –  stando alle richieste pervenute dalla Società Sicula Trasporti spa – chiede aiuto per i prossimi sessanta giorni alle seguenti Società:

  • Catanzaro Costruzioni srl di ricevere presso il proprio impianto il quantitativo totale di 2.300 di rifiuti;
  • OIKOS spa di ricevere presso il proprio impianto il quantitativo totale di 2.300 tonnellate/settimana di rifiuti;
  • Impianti SRR ATO 4 Caltanissetta Provincia Sud srl di ricevere presso il proprio impianto il quantitativo totale di 3.400 tonnellate/settimana di rifiuti.

A tal proposito Salvo Pogliese, in qualità di sindaco della Città di Catania, ha dichiarato: << La soluzione definitiva sono i termovalorizzatori >>.

Infine, l’Assessore all’Ecologia del Comune di Catania Fabio Cantarella, al termine della riunione di oggi dei soci SRR Catania Area Metropolitana (servizio di gestione dei rifiuti a Catania), ha annunciato che nelle prossime ore sono attese le risposte delle ditte delle discariche presenti in Sicilia e citate dall’Assessore regionale Baglieri come idonee a ricevere i rifiuti in eccesso della discarica Sicula Trasporti spa.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome qui