Università Bandita: nove rinvii a giudizio

0
198

il Gup di Catania, Marina Rizza, ha rinviato a processo nove docenti nell’ambito del procedimento “Università bandita” su presunti concorsi truccati nell’ateneo, nato su indagini della Digos della Questura.

Il Gup non ha riconosciuto il reato di associazione per delinquere richiesto dall’accusa e lo ha derubricato in abuso d’ufficio la turbata libertà di scelta del contraente. Gli imputati dovranno difendersi dalle accuse di abuso d’ufficio e il falso. Per Basile e Drago vi è anche l’accusa di corruzione per atti contrari ai propri doveri.

La prima udienza del processo si terrà il prossimo 10 maggio davanti la Terza sezione penale del Tribunale. In aula, come imputati, saranno si dovranno presentare i due ex rettori, i professori Francesco Basile e Giacomo Pignataro, e sette professori: Giuseppe Barone, Michela Maria Bernadetta Cavallaro, Filippo Drago, Giovanni Gallo, Carmelo Giovanni Monaco, Roberto Pennisi e Giuseppe Sessa.

Il Gup Rizza ha assolto dall’associazione per delinquere e da due episodi di turbata libertà di scelta del contraente il professore Giancarlo Magnano di San Lio, che ha fatto accesso al rito abbreviato, e lo ha condannato a un anno e due mesi, pesa sospesa, per abuso
d’ufficio.

Al centro dell’inchiesta della Procura di Catania «la nomina come docenti, ricercatori, dottorandi e personale amministrativo di soggetti preventivamente individuati dagli stessi associati». Nel secondo troncone della stessa inchiesta “Università bandita” la Procura ha chiesto il rinvio a giudizio di altre 45 persone, la cui posizione era stata stralciata dal fascicolo principale. E’ attesa la decisione del Gup Simona Ragazzi.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome qui