Martoglio: recital, musica e parole in ricordo del drammaturgo siciliano alla GAM di Catania

0
164

Un weekend intenso di eventi culturali in occasione del centenario dalla tragica morte di Nino Martoglio presso la Galleria D’arte Moderna di Catania, in via Castello Ursino, 26.

Gli appuntamenti culturali proposti rappresentano le attività collaterali alla mostra bibliografica e documentaria Nino Martoglio, una mostra collettiva organizzata dal Comitato Nazionale Martoglio con documentazione proveniente dall’Archivio storico comunale di Catania, dalla Biblioteca comunale Vincenzo Bellini, dalla Pro Loco di Belpasso, dal Museo Biblioteca dell’Attore di Genova, dagli eredi Martoglio, Zuco e Concutelli e da diversi collezionisti privati.

Con grande successo di pubblico sono stati proposti due recital e la presentazione di un libro.

Sabato 6 Novembre, alle ore 17:30 è andato in scena il recital dal titolo “Martoglio recita Cicca Stonchiti” interpretato dagli attori Melina Pappalardo, Turi Giordano e Gianni Sineri; intermezzo musicale con Santo Privitera e Carmelo Filogamo. È stato rappresentato un estratto dalla prima edizione di “Civitoti in pretura” – che non venne pubblicata da Martoglio – dove era presente il personaggio di Don Tartaglia, relativo all’interrogatorio di Cicca Stonchiti davanti al pretore.

Domenica 7 novembre, alle ore 10:30, gli stessi attori hanno rappresentato il recital dal titolo “I dialoghi popolari” di Martoglio con l’intermezzo musicale a cura del chitarrista Davide Sciacca. Tratti dal D’Artagnan, il settimanale fondato da Martoglio, sono stati riproposti gli episodi relativi all’arrivo del cinematografo a Catania, all’epidemia di colera, all’esperienza amministrativa del rimpianto Sindaco De Felice e all’evento ippico-ciclistico realizzato dalla compagnia circense del mitico Buffalo Bill alla Villa Bellini di Catania nel 1896.

Nel pomeriggio, alle ore 17:30, è stato presentato il libro di Maurizio Cairone intitolato “Nino Martoglio e l’anatomia di una morte annunciata” edito dalla casa editrice Prova d’Autore fondata dal Professore Mario Grasso presente in sala insieme agli attori Melina Pappalardo, Turi Giordano e Gianni Sineri ed al chitarrista Davide Sciacca che hanno allietato la presentazione con la lettura di poesie ed intermezzi musicali.

Dopo i saluti iniziali del Segretario del Comitato Gaetano Strano, l’autore del libro ha spiegato che ha inteso indagare la morte annunciata di Martoglio attraverso una esumazione “spiritica”, servendosi di una disciplina che va sotto il nome di Spiritismo. Un’operazione complessa questa di Cairone che affida tutto a un Cantastorie che è anche Cuntastorie. A tal proposito il Professore Mario Grasso ha descritto così l’intenzione dell’autore all’interno della sua prefazione: “…convocazioni di ‘informati sui fatti’ e di tutta una coralità di vita trascorsa in pubblico, tra il pubblico che altro non era che il popolo, era la realtà morale, politica e civile di una stagione catanese nel particolare, e nazionale nella sua aura di grovigli e di padroni di malaugurio per un ventennio di fosco avvenire”. L’intenzione del libro è far trionfare la verità sul caso della misteriosa scomparsa di Martoglio avvenuta tragicamente il 15 settembre 1821 quando il corpo del giornalista, autore e regista è stato ritrovato senza vita nel vano vuoto di un ascensore dell’ospedale Vittorio Emanuele di Catania, ai tempi in costruzione. Com’è morto Nino Martoglio davvero? Che si sia trattato di un omicidio? A tal proposito si è interrogato anche il regista e presidente del Comitato Nazionale Martoglio Elio Gimbo che, nel suo libro dal titolo “Le Tre Porte” (edizione Prova d’Autore), indaga sull’affaire Martoglio attraverso la documentazione rinvenuta presso l’Archivio di Stato di Catania dove attualmente è esposta nell’ambito della mostra dal titolo “Nino Martoglio un illustre catanese: vita, misteri e morte di un grande protagonista del panorama letterario e teatrale italiano” in corso fino al 31 dicembre 2021.

Il prossimo ed ultimo fine settimana sarà ricco di appuntamenti a partire da venerdì 12 novembre sino a domenica 14 novembre sempre presso la GAM. Saranno interpretati altri recital tratti dalle opere mortogliane (“Lu catechisimu di Don Procopio”, “ ’A Tistimunianza” e “U cummattimentu di Orlandu Rinaldu”) e due presentazioni di libri. L’omaggio a Martoglio e alla catanesità vedrà al centro dell’incontro il libro di Alfredo Sorbello, dal titolo “La medaglietta ritrovata” (Edizioni Akkuaria), un racconto storico sulla Catania dei primi anni del Novecento con Martoglio in compagnia di Verga, Capuana e De Roberto e il volume di Vera Ambra dal titolo “Catania alla scoperta della catanesità in forma di parole”; l’ultima presentazione vedrà protagonista il saggio di Giulia Letizia Sottile dal titolo “Martoglio e il D’Artagnan: preludio di un genio” (edizione Prova d’Autore).

Sabato nel pomeriggio è previsto un annullo filatelico.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome qui