Fallimento Catania, il Tribunale nomina CTU

0
199

Il Tribunale fallimentare di Catania ha disposto una consulenza tecnica d’ufficio per fare verificare l’effettivo stato patrimoniale del Calcio Catania e la congruità della gestione ad oggi del club. La decisione sul fallimento del club è stata, pertanto, rinviata al 21 dicembre.

Gli scenari rimangono immutati: rigetto dell’istanza di fallimento presentata dalla Procura etnea, fallimento del club, esercizio provvisorio con curatore fallimentare.

“Un atto dovuto da parte del Tribunale -spiega ai nostri microfoni l’avvocato Giuseppe Rapisarda che continua – .In questo modo il Giudice estensore vuole anche verificare il contenuto della relazione di asseverazione presentata dai legali del Calcio Catania. Rientra tutto nella norma di un procedimento fallimentare, dove il Tribunale agisce con scrupolo e rispetto delle leggi”, conclude l’avvocato.

Le prossime tappe che Sigi deve superare sono il 16 quando dovrà pagare le spettanze dovute ai giocatori e i contributi arretrati per la sospensione Covid. Altro ostacolo da superare sono gli 1,9 milioni di euro del sequestro conservativo autorizzato dalla quarta sezione del Tribunale etneo a favore della curatela fallimentare della Calcio Catania Servizi che quasi certamente, come da delle nostre indiscrezioni, aggredirà i conti correnti del Calcio Catania.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome qui