Differenziata rifiuti San Nullo: tra comunicazioni contrastanti e problemi logistici

0
446

Lo start up della raccolta differenziata a Catania nord da parte della Supereco suscita qualche perplessità:poca comunicazione fatta male e problemi logistici sottovalutati. La proposta di Sebastiano Anastasi e il suo invito non fare “subdole strumentalizzazioni”.

Ogni fase organizzativa ha le sue difficoltà, specie quando questa rappresenta un passaggio epocale per una comunità. Stiamo parlando della raccolta differenziata che si sta per estendere nel territorio del Comune di Catania, con ricadute positive per i cittadini. La SuperEco, ditta aggiudicatrice del bando settennale del bando lotto Nord, parte con il piede sbagliato e la confusione regna sovrana. Un esempio di quello che sta accadendo a San Nullo. Nei giorni scorsi degli incaricati della SeperEco hanno consegnato il calendario in via Ota via San Giacomo e altre vie indicando l’inizio della raccolta differenziata per il 22 novembre (dalla sera del 21 quindi andrebbe esposta la plastica ndr.).

In una nota inviata WhatsApp il presidente del IV Municipio comunica invece che a San Nullo il servizio inizia il 6 dicembre. Il tutto confermato dall’assessore all’Ecologia Andrea Barresi, contattato telefonicamente dalla nostra redazione. La ditta, però sembrerebbe abbia diviso San Nullo in due parti: est via Sebastiano Catania e ovest via Sebastiano Catania. A supporto di questa nostra “teoria” (dalla SuperEco non arrivano comunicazioni ufficiali), il fatto che in via Fiorita e via San Nullo gli incaricati della SuperEco non sono passati ancora a lasciare il calendario della raccolta differenziata. Da domani è lecito aspettarsi che nelle vie ad Ovest di via Sebastiano Catania, dove sono stati consegnati i calendari inizi la differenziata.

Forse sarebbe stato meglio che la ditta si fosse affidata ad un ufficio stampa, come ha storicamente la Dusty. Una soluzione era quella proposta 10 giorni fa da Sebastiano Anastasi, che aveva invitato alla creazione di una App per comunicare con la cittadinanza e di fare anche delle riunioni online al fine di coordinare e comunicare al meglio l’evoluzione della fase organizzativa.

Al di là della totale mancanza di comunicazione da parte della ditta, sembrerebbe andare tutto liscio. Ma non è così. A sollevare un grave problema logistico è il capogruppo di Grande Catania, Sebastiano Anastasi. ” Il 95% di san nullo Trappeto sud è costituito da grandi condomini e complessi con ingressi ridotti sulle strade- esordisce Anastasi -Fare tutta la zona il 6 dicembre e coinvolgere immediatamente gli amministratori condominiali per la localizzazione degli spazi ove disporre i carrellati. Non è più solo un problema di comunicazione, oggi è logistico. Senza questo passaggio non sarà di fatto realizzabile il passaggio alla differenziata. Poi c’è chi già invece di concorrere alla riuscita della differenziata sta attuando subdole strumentalizzazioni che concorrono solo a creare ancora più confusione nei cittadini”.

In sintesi Anastasi conclude: “Spostando a giorno 6 dicembre l’inizio della raccolta differenziata si avrà il tempo di rimettere i cassonetti dove sono stati tolti, così la gente può buttare la spazzatura e contattare gli amministratori di condomino e organizzarsi con la logistica”.

Sulla questione cassonetti, tolti da Dusty nella zona perché di loro proprietà, abbiamo chiesto ieri sera all’assessore Barresi cosa dovevano fare i cittadini per buttare la spazzatura. La risposta: “Ora sono fuori e non posso. Ci sentiamo nei prossimi giorni”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome qui